L’antica chiesa di san agostino

La storia gli affreschi e l’architettura

DOVE

Acquapendente (VT) – centro storico

durata

2 ore

Difficoltà

facile T

costo

€9/partecipante*

Periodo consigliato

tutto l’anno

Tra i vicoli silenziosi di Acquapendente, le pietre antiche della Chiesa di Sant’Agostino raccontano storie intrise di mistero e rinascita. Quel che resta dell’originaria chiesa medievale è solo un sussurro nei secoli, ma nei frammenti dell’antico convento agostiniano, fondato alla fine del 1290, si intravede il respiro della storia.

Sotto l’ombra delle forme gotiche, il percorso rinascimentale di questa chiesa si dipana come un racconto intricato. Le pietre, testimoni mutevoli del tempo, portano i segni di aggiunte e trasformazioni fino al lontano 1918.

Poi, un crudele destino si scatenò nel 1746, quando le fiamme divorarono la struttura millenaria. L’incendio, come un demone famelico, consumò la figura della Madonna, le architetture gotiche e il cuore della chiesa.

Ma dalla cenere e dalle lacrime sorse una rinascita. In un atto di determinazione, la comunità dedicò un anno alla ricostruzione. L’architettura, unica e imponente, si erse dalle rovine, abbracciando il nuovo con volte a botte che raccontano di una resilienza indomita.

Il cronista Pietro Paolo Biondi, con la sua penna intrisa di storia, ci guida nella storia e nel suo libro “Le Croniche di Acquapendente” del 1588, ci raconta che dietro l’altare maggiore era presente una bellissima lunetta che, un tempo, sorreggeva lo sguardo di Cristo in Pietà con gli angeli. La sorte di quest’opera va raccontata nei dettagli più intimi, perchè una partate di esssa è fortunatamente ancora ad Acquapendente, conservata ed esposta nel piano nobile del Palazzo Vescovile, oggi sede del Museo Civico e Diocesano. Mentre la parte sottostante, è ormai lontana. Ha preso la via del maare ed è arrivata a Cambridge nel Massachusset al Fogg Art Museum.

La facciata della Chiesa di Sant’Agostino svela la sua semplicità, come un libro aperto di pietra che racconta le pagine della devozione. Qui, l’eleganza si esprime con una struttura a capanna, adornata con il tocco unico di una grande finestra rettangolare che veglia su un portale dalle linee sobrie. Ogni dettaglio è una nota nella sinfonia dell’architettura sacra.

Le pareti laterali, custodi di segreti e preghiere, ospitano sei altari tardobarocchi che si ergono come opere d’arte in finto marmo policromo. Qui, l’arte di Apollonio Nasini danza sulle pareti, donando vita e colore a uno spazio intriso di spiritualità.

Al termine della navata, il presbiterio, dominato dal grande altare maggiore. In questo contesto, il coro settecentesco è come un tesoro nascosto dietro il sipario dell’architettura dell’abside.

All’esterno, guardando verso il cielo, il campanile si erge come un custode silenzioso del tempo. La sua struttura settecentesca si fonde con l’orizzonte, un faro che guida gli sguardi e le preghiere degli abitanti di Acquapendente. Ogni pietra, ogni linea, parla della storia che ha plasmato questo luogo sacro, dove il divino e l’umano si incontrano con grazia senza tempo.

PROGRAMMA

LUOGO DELL’APPUNTAMENTO: Torre Julia de Jacopo – Centro Visite del Comune di Acquapendente, in via Julia de Jacopo, snc – Acquapendente

PROGRAMMA: Passeggiata fino al raggiungimento della chiesa di Sant’Agostino e visita e alle sue opere architettoniche e pittoriche.

Su richiesta, al momento della prenotazione, è possibile una visita al Museo della Città, Civico e Diocesano, dove è conservata la Pala d’altare realizzata nel 1505 da Girolamo di Benvenuto per la chiesa di Sant’Agostino.

 DETTAGLI TECNICI

ABBIGLIAMENTO: nessun accorgimento necessario, se non un abbigliamento consono ad un luogo di culto

DURATA: 1 ora, se si aggiunge la visita al Museo 1.5 ore

A CHI SI RIVOLGE: percorso adatto a tutti.

*COSTO: l’esperienza ha un costo totale di € 9.00/partecipante. Costo visita Museo € 4.00

Si attiva al raggiungimento di numero minimo pari a 5 partecipanti.

Per richieste con numero inferiore, si può attivare il percorso con una tariffa esclusiva forfettaria.

Il servizio di prenotazione è disponibile dal lunedì al sabato, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00. Le prenotazioni devono pervenire entro le ore 18.00 del giorno precedente alla giornata di visita.

Contattaci per ogni chiarimento!

TELEFONO +39 388 8568841 (anche WhatsApp)

MAIL  [email protected]

ALTRE ESPERIENZE

Buongiorno Ceramica 2024

SABATO 18 MAGGIO
TUTTO IL GIORNO E LA NOTTE
INGRESSO GRATUITO

LA VIA FRANCIGENA DI ACQUAPENDENTE

Tramite un viaggio immaginario attraverseremo le tappe più significative di questa antica via, e scopriremo le storie legate a questa strada e alla città di Acquapendente

Il 600 un’esplosione di colori (Museo della Città)

FINO AL 30 GIUGNO 2024
COMPRESO NEL BIGLIETTO D’INGRESSO ORDINARIO
Esposizione di ceramiche locali, frutto degli scavi effettuati dall’Associazione Archeo Acquapendente in 30 anni di lavoro

Visita alla Chiesa di San Francesco

Visita alla chiesa oggi dedicata a San Francesco, ma sorge sul luogo di una chiesa dedicata a Maria Assunta e consacrata nel 1149

Viaggio nella Civiltà Contadina e Artigiana – Acquapendente Musei

Viaggio nella Civiltà Contadina e Artigiana Acquapendente – VT – Centro storico – Musei civici penultimo fine settimana di agosto (dal giovedì alla domenica)Per quattro giorni, dal giovedì alla domenica, le vie del centro storico saranno animate dai mercatini...

Buongiorno Ceramica

mostre e laboratori di ceramica nel centro storico di Acquapendente e al Museo della Città

Dal Bosco al Museo: i segreti di Monte Rufeno

Un percorso nella sale del Museo del fiore con le tante chiavi di lettura con cui si può affrontare il tema dei fiori e delle mille relazioni che queste colorate entità intrecciano con il resto del mondo vivente, di cui anche noi facciamo parte.
Un luogo dove scoprire “tutto quello che avreste voluto sapere sui fiori ma non avete mai osato chiedere”.

ACQUAPENDENTE UN BORGO TUTTO DA SCOPRIRE

Acquapendente è un grazioso borgo di origine medievale, ma cosa accadde in questa cittadina dopo la fine dei ‘secoli bui’? Scopriamolo insieme partendo dalla Basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme e toccando via via i monumenti e i palazzi di Acquapendente più significativi edificati dal Rinascimento all’età moderna, fino agli interessanti interventi urbanistici in epoca post-unitaria.

Turismo sociale

le attività proposte Le attività che proponiamo nascono dall’obiettivo di offrire uno spazio aggregativo all’interno del quale sperimentare attività nuove e divertenti. Organizziamo laboratori artistici, creativi e manipolativi, passeggiate nei sentieri della Riserva...

La Cattedrale del Santo Sepolcro di Acquapendente

La cattedrale del Santo Sepolcro è il principale luogo di culto della città di Acquapendente, nel Lazio, e concattedrale della diocesi di Viterbo. La cattedrale è una basilica del X secolo in stile romanico e appartenente storicamente all’ordine benedettino