VERSO LA CASCATA DEL SUBISSONE

COSTO: 11.00€

Gli amanti della natura e del trekking leggero, potranno partecipare ad una splendida passeggiata in natura visitando luoghi incantevoli come il Mulino del Subissone, l’antica Via Salara, il borgo di Torre Alfina e su richiesta il Museo del fiore.

Un percorso al confine tra Lazio e Umbria in una natura non più incontaminata, ma all’interno di una Riserva Naturale istituita nel 1983, dove la mano dell’uomo si coniuga perfettamente con la natura circostante, e dove quest’ultima è stata fondamentale per la vita del Borgo di Torre Alfina.

Grazie proprio alla forza dell’acqua e a particolari accorgimenti, il mugnaio riusciva a macinare il grano tutto l’anno, anche d’estate quando l’acqua del Torrente era assai scarsa. La ristrutturazione di questo casale in pietra, è stata un’occasione per recuperare la memoria storica e il senso di appartenenza ad una civiltà oggi scomparsa, ma ancora ben radicata nei ricordi di chi l’ha vissuta e nel paesaggio della Riserva Naturale Monte Rufeno.

La passeggiata partirà dal parcheggio del Museo del fiore, e proseguirà lungo l’antica Via Salara, il tratturo che collegava l’abitato di Acquapendente a quello di Torre Alfina. Potremo vedere tutto il tragitto che l’acqua percorre, dalla cascata in mezzo al bosco, arrivando poi al Mulino del Subissone. Lungo il sentiero avremo modo di osservare un vecchio fontanile, utilizzato anticamente per abbeverare gli animali, che adesso ospita libellule, rane, tritoni e la biscia dal collare. Querce, carpini, macchie di pineta, orchidee e moltissime varietà di piccoli fiori di campo, ci accompagneranno nella passeggiata.

Arrivati all’antico Mulino ad acqua, avremo modo di rilassarci e mangiare un pranzo al cestino (a carico dei partecipanti).

L’escursione continua lungo l’ultima parte del sentiero “Natura del fiore” che ci porterà nuovamente al Museo del fiore. A questo punto potrete proseguire per il borgo di Torre Alfina.

Il percorso ha una lunghezza di circa 3 Km su strada sterrata e sentieri nei boschi laziali. Possono partecipare sia i camminatori esperti, che le famiglie con bambini, senza però poter utilizzare i passeggini o carrozzine.

DETTAGLI TECNICI: PROGRAMMA E COSTI

Iscrizioni entro il giorno prima dell’evento.

Il pacchetto prevede:

passeggiata con guida lungo il sentiero La Scialimata e visita al Museo del fiore e al Mulino del Subissone. .

Si raccomanda l’uso di abbigliamento e scarpe comode.

GLI ALTRI PERCORSI NELLA RISERVA MONTE RUFENO

Passeggiate in lingua al Bosco del Sasseto

English-speaking guided tour in the Bosco del Sasseto Da agosto, tutti i giovedì, mettiamo a disposizione una guida in lingua inglese per tutti gli ospiti stranieri di strutture ricettive locali oppure per turisti stranieri di passaggio che desiderano visitare il Bosco del Sasseto con una visita guidata esclusiva

Tra alberi secolari al Bosco del Sasseto

Grandi tronchi a volte cavi, rami contorti, massi coperti di muschi e felci, i canti degli uccelli e i timidi fiori nel sottobosco rendono l’atmosfera di questo luogo un mondo incantato e meraviglioso! Ma ecco che d’improvviso sorprende la vista il gotico mausoleo del Marchese Edoardo Cahen immerso nel verde!

Lungo La Scialimata: sulle tracce di Madre Natura

Passo dopo passo lungo un tratto della “La Scialimata”, un percorso ad anello tra aree di frana in continuo movimento, boschi e tracce di cinghiali e caprioli e volpi curiose. Un percorso che si allaccia al sentiero natura del fiore, dal Museo del fiore fino al Mulino sul torrente Subissone, nel cuore della Riserva Naturale Monte Rufeno.

Sulla scia dell’acqua sul Subissone

Con lo zaino in spalla passeggiamo tra pietre e rocce coperte di muschio e felci sulle sponde del torrente Subissone e il fosso della Caduta: un percorso immerso nel bosco che racconta la storia dei suoi abitanti,
fino a cascatelle create da piccoli fossetti, fino a scoprire le rare meraviglie della fauna acquatica che li popola.

Il Sentiero Natura del Fiore

Il Sentiero natura del fiore è la sezione esterna del
Museo del fiore dove è possibile scoprire la rete della
vita, trovarsi immersi nella natura della Riserva
Naturale Monte Rufeno e scoprire le relazioni che legano i
fiori ai diversi ambienti, agli animali, all’uomo e a tutte le
peculiarità del territorio.