DAL MEDIOEVO AI TEMPI MODERNI

COSTO: 3.00€

I REPERTI DELLA SEZIONE ALLA TORRE JULIA DE JACOPO

Acquapendente ha una lunghissima tradizione legata alla ceramica, che parte dal medioevo e arriva fino ai giorni nostri. Il Museo dedica un’intera sezione alla ceramica arcaica, conservata ed esposta presso la Torre Julia de Jacopo.

In questo luogo possiamo ammirare importanti reperti tra cui boccali, vascelli, catini che si distinguono per una varietà di motivi decorativi che vanno dai più semplici motivi geometrici e vegetali agli stemmi delle casate nobiliari, alle iscrizioni e simbologie religiose. I reperti sono stati rinvenuti negli scavi dell’ex Convento di Sant’Agostino intorno alla metà del XIV secolo.

I reperti rinvenuti coprono un arco cronologico abbastanza omogeneo che parte dalla prima metà del XIII secolo sino ai primi decenni del XV secolo.

I REPERTI AL PALAZZO VESCOVILE

Non tutti i reperti sono esposti alla Torre Julia. All’interno delle sale del Palazzo Vescovile oggi sede principale del Museo della Città.

Dai moltissimi scavi realizzati all’interno del centro storico di Acquapendente, sono tate ritrovati i resti di moltissime fornaci del Cinquecento e una serie di “butti”, alcuni contenenti quasi esclusivamente scarti di lavorazione della fornace stessa. Le opere esposte al Museo risalgono ai secoli XV e XVII e documentano l’uso del lustro, tecnica che consente di ottenere sfumature mutevoli di color oro e rubino. Risagono invece alla metà del XVI secolo la iconografia delle cosiddette “belle”, quindi si arriva alla produzione in stile compendiario e a quella assimilabile al tipo Regio Parco di Torino (dalla metà XVII sec.).

I vascellari di Acquapendente che si spostano nell´alto Lazio dimostrano l’importanza che il centro aquesiano riveste nelle produzioni ceramiche nel periodo che va dalla metà del XIV agli inizi del XVII secolo: un fattore determinante è la posizione favorevole in cui si trova la città, attraversata dalla grande arterie della via Cassia e dalla via Francigena, che mettono in comunicazione il centro con la Toscana.

Per il periodo compreso tra la prima e la seconda metà del XV secolo, si registra la presenza di ceramica ingobbiata e graffita, prodotta sicuramente nelle officine di Acquapendente e di Viterbo, largamente diffusa in tutto l’alto Lazio.

VISITA GUIDATA

DETTAGLI TECNICI: PROGRAMMA E COSTI

LUOGO DELL’APPUNTAMENTO: Torre Julia de Jacopo di Acquapendente

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro le ore 18.00 del giorno precedente

ORARIO VISITE: le visite si articoleranno in funzione delle richieste

COSTI a persona:

 in apertura ordinaria della struttura €3 + €2 di visita guidata

 in apertura straordinaria €8

COSA PREVEDE IL PACCHETTO:

– visita alla sezione delle ceramiche della Torre Juilia de Jacopo

– visita su richiesta ad una bottega ceramica di Acquapendente (NON COMPRESA nel prezzo indicato)

PERCHE' SI CHIAMA TORRE JULIA DE JACOPO?

La Torre Julia de Jacopo, prima conosciuta con il nome di Porta del Santo Sepolcro, fu così chiamata in onore di una fanciulla aquesiana (Giulia di Jacopo o Giuliuccia di Giaco) che il 18 gennaio 1550 si precipitò coraggiosamente a chiudere le porte della città, facendosi quasi ferire ad un braccio da una archibugiata, bloccando così l’ingresso ai nemici.

Il ritratto nella ceramica

I piatti delle bellequando TUTTO L'ANNOcosto €7/partecipantedurata 3 oreetà consigliata dai 6 anni in suFinalità: ripercorrere le fasi di lavorazione e decorazione della ceramica medievale e rinascimentale del territorio a cavallo tra Lazio, Umbria e Toscana,...

Carta, penna e calamaio: la scrittura nel medioevo

QUANDO tutto l'annocosto €7/partecipantedurata da 2 oreetà consigliata 6/16 anni Nel medioevo i libri venivano scritti e trascritti a mano dagli amanuensi che, nella maggior parte dei casi, erano monaci o religiosi. I luoghi adibiti alla trascrizione dei codici erano...

La scrittura nel medioevo

QUANDO tutto l'annocosto €7/partecipantedurata da 2 oreetà consigliata 6/16 anni Nel medioevo i libri venivano scritti e trascritti a mano dagli amanuensi che, nella maggior parte dei casi, erano monaci o religiosi. I luoghi adibiti alla trascrizione dei codici erano...

Coloriamo la Terra- La decorazione della ceramica antica

quando tutto l'annocosto €7/partecipantedurata da 3 a 5 oreetà consigliata 6/14 anniarrivati alle soglie dell’antica porta romana, saliremo sulla torre Julia de Jacopo, dove la protagonista assoluta è la ceramica Finalità: Analizzare gli oggetti ceramici esposti. Che...

Una tela ruvida. L’affresco, tecnica e realizzazione

quando tutto l'annocosto €7/partecipantedurata da 3 a 5 oreetà consigliata 6/14 anni Seguendo il nostro percorso lungo la via francigena, visita agli affreschi del palazzo vescovile Finalità: Guardare un'opera d'arte con occhi sempre nuovi. Da cosa è composto un...

Osservare scoprire comporre

quando tutto l'annocosto €7/partecipantedurata da 3 a 5 oreetà consigliata 6/14 anni Dipingeremo come i grandi pittori, le cui opere sono oggi esposte nella Pinacoteca di San Francesco. Avremo fogli ruvidi, pennelli e bellissime opere da cui prendere spunto. Cosa...

ACQUAPENDENTE UN BORGO TUTTO DA SCOPRIRE

DENTRO LE MURA CITTADINECOSTO: 10.00€Acquapendente è un grazioso borgo di origine medievale, ma cosa accadde in questa cittadina dopo la fine dei ‘secoli bui’? Scopriamolo insieme partendo dalla Basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme e toccando via via i monumenti...

ALLA SCOPERTA DEI COLORI

laboratorio per bambini: I pigmenti e la loro storiaquando TUTTO L'ANNOcosto €7/partecipantedurata 3 oreetà consigliata dai 12 anni in suIl rosso delle coccinelle, il blu dei lapislazzuli, il giallo dello zafferano, il verde dell'iris ed infine l'oro. Quanti sono i...

LA MATITA E’ IL MIGLIOR OCCHIO

Taccuini di Viaggioquando NEI WEEKEND SE NON PIOVEcosto €7/partecipantedurata 3 oreetà consigliata dai 6 anni in suIn programma un week end ad Acquapendente con la famiglia? Acquapendente è inaspettatamente una città ricca di cultura e storia, con tantissime cose da...

La Cattedrale del Santo Sepolcro di Acquapendente

La cattedrale del Santo Sepolcro è il principale luogo di culto della città di Acquapendente, nel Lazio, e concattedrale della diocesi di Viterbo. La cattedrale è una basilica del X secolo in stile romanico e appartenente storicamente all’ordine benedettino