Acquapendente

un borgo da scoprire

DOVE

Acquapendente (VT)  –  centro storico 

durata

circa 3 ore

Difficoltà

facile T

costo

€19/partecipante*

Periodo consigliato

tutto l’anno

Acquapendente è un grazioso borgo di origine medievale, ma cosa accadde in questa cittadina dopo la fine dei ‘secoli bui’? Scopriamolo insieme partendo dalla Basilica del Santo Sepolcro di Gerusalemme e toccando via via i monumenti e i palazzi di Acquapendente più significativi edificati dal Rinascimento all’età moderna, fino agli interessanti interventi urbanistici in epoca post-unitaria.

Vedremo dunque il Palazzo Vescovile, sede del Museo della città, il piccolo Teatro Boni, la Fontana dei Mascheroni, la piazza con il suo Palazzo Comunale, torneremo poi sulla nuova Via francigena incontrando i palazzi signorili di via Roma e per finire visiteremo la chiesa di San Francesco e la sua Pinacoteca.

Questa passeggiata nella storia inizia da Porta Romana, detta anche Torre Julia de Jacopo, dove si trova una delle sedi del Museo della Città che conserva una pregevole collezione di maiolica arcaica rinvenuta negli scavi del convento di Sant’Agostino.

Cripta del Santo Sepolcro di Acquapendente

Lasciata la Torre ci si avvia verso la Cattedrale del Santo Sepolcro, edificio del XII secolo, che reca i segni delle numerose trasformazioni subite nel corso dei secoli, specie durante il XVIII secolo. Al di sotto del transetto si scopre la cripta del Santo Sepolcro, esempio insigne di arte romanica, senz’altro il monumento più significativo di Acquapendente, non solo per il suo indubbio valore artistico, ma anche perchè al suo interno è custodito il sacello costruito a modello del Santo Sepolcro di Gerusalemme, secondo una recente ipotesi la prima riproduzione del sepolcro di Cristo fuori dalla Terra Santa.

Lasciata la cattedrale si raggiunge il Palazzo Vescovile, complesso monumentale sede della diocesi dal 1649 al XX secolo. L’edificio è sede del Museo della Città, che vanta una ricca collezione civica formata da opere di arte sacra diocesana e da numerosi reperti ceramici di età medievale e moderna provenienti dai “butti” di Acquapendente (pozzi usati nell’antichità come immondezzai).

Tornando sulla via Francigena, si incontra presto la chiesa di Sant’Agostino, realizzata insieme al convento annesso alla fine del XIII secolo. L’aspetto attuale si deve alle trasformazioni secondo canoni barocchi della metà del ‘700, a seguito di un incendio che distrusse la chiesa primitiva.

Teatro Boni di Acquapendente

Di fronte al complesso c’è il Teatro Boni, realizzato nel 1895, grazie all’iniziativa di Tommaso Boni che donò al paese un nuovo teatro a sostituzione di uno precedente in legno. Subito dopo si raggiunge la Piazza della Comunità, cuore del borgo medievale, intitolata oggi a Girolamo Fabrizio, insigne medico chirurgo anatomista nato ad Acquapendente nel 1533. La piazza è dominata dal Palazzo Comunale, maestoso edificio realizzato in stile neoclassico su progetto dell’architetto Meluzzi, nell’ambito di un programma di rinnovamento urbanistico che interessò Acquapendente dopo l’annessione al regno d’Italia.

Lungo il tracciato della Francigena si possono scorgere vari esempi di edilizia residenziale rinascimentale aquesiana, come il cinquecentesco Palazzo Viscontini o il Palazzo Fidi-Taurelli realizzato sullo scorcio del secolo precedente.

Pinacoteca di Acquapendente al Chiostro di San Francesco

Ultima tappa del percorso è la chiesa di San Francesco, originariamente intitolata a Santa Maria, consacrata nel 1149 ed officiata dalla metà del XIII secolo dai Frati Minori Conventuali che risiedevano nel vicino convento. L’esterno vanta ancora le originarie forme gotiche, mentre l’Interno mononave rivela le modifiche successive in stile barocco. E all’ombra del chiostro si conclude la prima delle passeggiate nella storia, tutta dedicata ad Acquapendente, ma nel sito potrete trovare molte altre proposte turistiche della nostra Società!

PROGRAMMA

LUOGO DELL’APPUNTAMENTO: “Torre Julia de Jacopo” – Centro Visite del Comune di Acquapendente, in via Julia de Jacopo, snc – Acquapendente

PROGRAMMA: Passeggiata nel borgo di Acquapendente lungo il tratto urbano della Via Francigena. Lungo il percorso visiteremo il Palazzo Vescovile, sede del Museo della città, il piccolo Teatro Boni, la Fontana dei Mascheroni, la piazza con il suo Palazzo Comunale, racconteremo aneddoti e storie su i palazzi signorili di via Roma e per finire visiteremo la chiesa di San Francesco e la sua Pinacoteca.

 DETTAGLI TECNICI

ABBIGLIAMENTO: scarpe comode. Consigliamo protezione per la pioggia acqua da bere, a seconda della stagione.

PERCORSO: percorso lineare di 2 km

DURATA: totale 3 ore, di cui 1.5 ore di passeggiata e 1,5 ore di visita guidata al Museo della Città e alla Pinacoteca.

A CHI SI RIVOLGE: percorso adatto a tutti.

*COSTO: l’esperienza ha un costo totale di € 19/partecipante. Il costo comprende la passeggiata con guida, l’ingresso e la visita guidata alle sedi museali e alla Basilica. Se si desidera solo un tour per le vie del paese, senza la visita al Museo, il costo è di € 13/partecipante.

Si attiva al raggiungimento di numero minimo pari a 5 partecipanti.

Per richieste con numero inferiore, si può attivare il percorso con una tariffa esclusiva forfettaria.

DAL MEDIOEVO AI NOSTRI GIORNI

Il servizio di prenotazione è disponibile dal lunedì al sabato, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00. Le prenotazioni devono pervenire entro le ore 18.00 del giorno precedente alla giornata di visita.

Contattaci per ogni chiarimento!

TELEFONO +39 388 8568841 (anche WhatsApp)

MAIL  [email protected]

ALTRE ESPERIENZE

Dal Bosco al Museo: i segreti di Monte Rufeno

Un percorso nella sale del Museo del fiore con le tante chiavi di lettura con cui si può affrontare il tema dei fiori e delle mille relazioni che queste colorate entità intrecciano con il resto del mondo vivente, di cui anche noi facciamo parte.
Un luogo dove scoprire “tutto quello che avreste voluto sapere sui fiori ma non avete mai osato chiedere”.

Passeggiate in lingua al Bosco del Sasseto

English-speaking guided tour in the Bosco del Sasseto
Da agosto, tutti i giovedì, mettiamo a disposizione una guida in lingua inglese per tutti gli ospiti stranieri di strutture ricettive locali oppure per turisti stranieri di passaggio che desiderano visitare il Bosco del Sasseto con una visita guidata esclusiva

Tra alberi secolari al Bosco del Sasseto

Grandi tronchi a volte cavi, rami contorti, massi coperti di muschi e felci, i canti degli uccelli e i timidi fiori nel sottobosco rendono l’atmosfera di questo luogo un mondo incantato e meraviglioso! Ma ecco che d’improvviso sorprende la vista il gotico mausoleo del Marchese Edoardo Cahen immerso nel verde!

Lungo La Scialimata: sulle tracce di Madre Natura

Passo dopo passo lungo un tratto della “La Scialimata”, un percorso ad anello tra aree di frana in continuo movimento, boschi e tracce di cinghiali e caprioli e volpi curiose. Un percorso che si allaccia al sentiero natura del fiore, dal Museo del fiore fino al Mulino sul torrente Subissone, nel cuore della Riserva Naturale Monte Rufeno.

Sulla scia dell’acqua sul Subissone

Con lo zaino in spalla passeggiamo tra pietre e rocce coperte di muschio e felci sulle sponde del torrente Subissone e il fosso della Caduta: un percorso immerso nel bosco che racconta la storia dei suoi abitanti,
fino a cascatelle create da piccoli fossetti, fino a scoprire le rare meraviglie della fauna acquatica che li popola.

Photo Gallery per Forest Bathing Lazio

Gallery Le location che forniranno scorci incantati ed elementi naturali sorprendenti da cui farsi ispirare per la pratica di Forest Bathing: Monumento Naturale Bosco del Sasseto, Mulino del torrente Subissone e Ponte del Diavolo, nella Riserva Naturale Mone Rufeno, e...

Photo gallery per seminario disegno naturalistico

Gallery Le locantion migliori per farsi ispirare, con scorci incantati ed elementi naturali sorprendenti: Bosco del Sasseto, Mulino del torrente Subissone, il Ponte del Diavolo e Museo del fiore. Alcuni sketchbook di Marco Preziosi: le pagine dei suoi taccuini o i...

La Cattedrale del Santo Sepolcro di Acquapendente

La cattedrale del Santo Sepolcro è il principale luogo di culto della città di Acquapendente, nel Lazio, e concattedrale della diocesi di Viterbo. La cattedrale è una basilica del X secolo in stile romanico e appartenente storicamente all’ordine benedettino

La fata Smemorina al Bosco del Sasseto

quando contattacicosto richiesta prevetivodurata 3 oreetà consigliata dai 6 anni in suUna graziosa fatina, un po’ smemorata, si aggira nel Sasseto alla ricerca del suo bosco incantato… Cerca l’aiuto di piccoli folletti che possano assisterla a ricreare la magia del...

Il Santo Sepolcro e le carceri vescovili di Acquapendente

Un percorso ipogeo di grande suggestione e interesse che mette in contatto il visitatore con le viscere misteriose del sottosuolo urbano.

Un viaggio nel tempo dal medioevo all’epoca moderna: uno spazio in pietra, a carattere sacro nell’architettura ecclesiastica, è un ambiente sotterraneo usato per conservare le reliquie.