Pacchetti turistici, organizzatori di eventi e didattica


Una giornata al Mulino del Subissone

Mulino del Subissone

Una giornata al Mulino del Subissone passeggiando sulla Via Salara

Mulino del Subissone – Sentiero “La Salara” – Cascata del Subissone -Torre Alfina (VT)

Gli amanti della natura e del trekking leggero, potranno partecipare ad una splendida passeggiata in natura visitando luoghi incantevoli come il Mulino del Subissone, l’antica Via Salara, il borgo di Torre Alfina e su richiesta il Museo del fiore.

Un percorso al confine tra Lazio e Umbria in una natura non più incontaminata, ma all’interno di una Riserva Naturale istituita nel 1983, dove la mano dell’uomo si coniuga perfettamente con la natura circostante, e dove quest’ultima è stata fondamentale per la vita del Borgo di Torre Alfina.

Grazie proprio alla forza dell’acqua e a particolari accorgimenti, il mugnaio riusciva a macinare il grano tutto l’anno, anche d’estate quando l’acqua del Torrente era assai scarsa. La ristrutturazione di questo casale in pietra, è stata  un’occasione per recuperare la memoria storica e il senso di appartenenza ad una civiltà oggi scomparsa, ma ancora ben radicata nei ricordi di chi l’ha vissuta e nel paesaggio della Riserva Naturale Monte Rufeno.

La passeggiata partirà dal parcheggio del Museo del fiore, e proseguirà lungo l’antica Via Salara, il tratturo che collegava l’abitato di Acquapendente a quello di Torre Alfina. Potremo vedere tutto il tragitto che l’acqua percorre, dalla cascata in mezzo al bosco,  arrivando poi al Mulino del Subissone. Lungo il sentiero avremo modo di osservare un vecchio fontanile, utilizzato anticamente per abbeverare gli animali, che adesso ospita libellule, rane, tritoni e la biscia dal collare. Querce, carpini, macchie di pineta, orchidee e moltissime varietà di piccoli fiori di campo, ci accompagneranno nella passeggiata.

Arrivati all’antico Mulino ad acqua, avremo modo di rilassarci e mangiare un pranzo al cestino (a carico dei partecipanti).

L’escursione continua lungo l’ultima parte del sentiero “Natura del fiore” che ci porterà nuovamente al Museo del fiore. A questo punto potrete  proseguire per il borgo di Torre Alfina.

Il percorso ha una lunghezza di circa 3 Km su strada sterrata e sentieri nei boschi laziali. Possono partecipare sia i camminatori esperti, che le famiglie con bambini, senza però poter utilizzare i passeggini o carrozzine.

IL SENTIERO

2 ore facile NO passeggini NO difficoltà motorie 3km

PROGRAMMA

COSTO attività:

  • € 7/partecipante

In aggiunta è possibile realizzare una visita al Museo del fiore. Il costo del biglietto, varia in base al tariffario che può essere consultato QUI’.

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Coop. L’Ape Regina tel: 388.8568841 (anche whatsapp) oppure email: eventi@laperegina.it.

COME ARRIVARE A TORRE ALFINA:

Si può raggiungere anche tramite l’A1, uscita Orvieto, seguire le indicazioni per Castel Giorgio – Torre Alfina. Arrivati al Borgo di Torre Alfina seguire le indicazioni per Museo del fiore che si trova a soli 2 Km di strada dal borgo.

LA CASCATA DEL SUBISSONE

Foto: Pier Luigi PacettiIl torrente Subissone è il più famoso dei torrenti che scorrono all’interno della Riserva di Monte Rufeno ed è tutelato e valorizzato per la sua estrema naturalità. È anche un importante sito riproduttivo per due pesci di interesse comunitario; il vairone ed il ghiozzo di ruscello, che qui trovano il loro habitat naturale, risalgono il corso del torrente per la deposizione delle uova. Lungo il suo corso ci sono innumerevoli e cascatelle che creano degli scorci meravigliosi. La più grande, con un salto di circa 20 metri, è visibile dal sentiero.

LA STORIA DEL MULINO DEL SUBISSONE

Il Mulino del Subissone è un antico mulino ad acqua per la macinazione dei cereali che si trova lungo uno dei più bei sentieri della Riserva Naturale Monte Rufeno. La ristrutturazione, completata nell’estate del 2006, ha consentito non solo di recuperare l’antico podere in pietra, ma anche di restaurare e rendere perfettamente funzionante il sistema di macinazione, costituito dalla vasca di accumulo, dalla turbina e dal sistema di macine di granito. Adiacente al mulino è presente anche un laboratorio didattico all’aria aperta e un forno a legna per la cottura del pane.