Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche


Bosco monumentale del Sasseto

bosco monumentale del sasseto

Il Bosco Monumentale del Sasseto ai piedi del castello di Torre Alfina, offre ai suoi visitatori un’atmosfera unica e quasi incantata, con i suoi sentieri estesi tra massi e rocce di tutte le dimensioni ed i suoi maestosi alberi secolari.

… poco al di sotto del Castello di Torre Alfina, un anonimo viottolo nascosto costeggia un pollaio per condurre nel monumentale Bosco del Sasseto, un gioiello di diversità forestale unico in tutta la regione Lazio. Se mai si volessero portare dei bambini a visitare un “bosco delle fiabe” è qui che si dovrebbe venire. Grandi tronchi a volte cavi, rami contorti, massi coperti di muschi e felci, i canti degli uccelli e i timidi fiori nel sottobosco rendono l’atmosfera di questo luogo un mondo incantato e a parte …

Il National geographic ne da questa definizione:

Il Sasseto non è un bosco qualsiasi. Basta entrare sotto la sua volta cupa, fare pochi passi tra i grandi tronchi centenari per capire subito che qui la natura esprime una forza antica e misteriosa.

bosco monumentale del sassetoRadici contorte cercano le profondità della terra attraverso grandi massi vulcanici, verdi di muschi, felci di varie specie ricoprono le rocce, sbucano in ogni angolo, si arrampicano su tronchi e rami ornandoli di fronde lucide e verdissime.

Tutto suggerisce rigoglio e vitalità indomita e forte è l’impressione di trovarsi nel bel mezzo di una lussureggiante foresta tropicale, invece che in un bosco dell’alta Tuscia.

L’atmosfera a Sasseto diventa magica quando, come in questa immagine, un lieve strato di nebbia aleggia nel bosco. [continua a leggere l’approfondimento del National Geographic (www.nationalgeographic.it)].

Il bosco del sasseto è stato anche inserito tra i 20 “luoghi incantati” d’Italia e sul bosco è stato inserito anche sul prestigioso Swide, il magazine del lusso di Dolce&Gabbana che, in un reportage dedicato appunto alle italiche zone da visitare assolutamente, riserva alla Tuscia una posizione di assoluto rilievo. ( leggi l’articolo su: http://www.viterbopost.it/2014/12/tre-gioielli-viterbesi-tra-i-luoghi-incantati/)

Il Sasseto, per la sua elevatissima diversità di specie e per la veneranda età dei suoi esemplari arborei, è un’ area di rilevante valore vegetazionale, Bosco Monumentale, sito di interesse comunitario (SIC) e zona di protezione speciale (ZPS).

DURATA: 3 ore
DIFFICOLTÀ: medio facile
LIMITAZIONI: no passeggini no difficoltà motorie
LUNGHEZZA: 3 km, percorso ad anello
NOTE: percorso accidentato
RICHIESTA PRENOTAZIONE: [contatti]

È possibile realizzare camminate nel Bosco del Sasseto tutti i giorni dell’anno (con un  preavviso di due giorni), oppure il 1°, 3° e 5° fine settimana di ogni mese. Vi è anche l’opportunità di avere una guida multilingua (con un preavviso di almeno una settimana).

Al termine delle passeggiate, si possono prevedere delle degustazioni a base di prodotti tipici del territorio: olio, vino, marmellate, miele, legumi, formaggi … oppure mangiare a prezzo fisso in un ristorante convenzionato con un menù turistico. Tutti i fine settimana è possibile anche visitare i poli museali presenti nell’area.

Inoltre nella SEZIONE EVENTI si può consultare il calendario sempre aggiornato con i nostri imperdibili appuntamenti!
Ed infine ecco un esempio di evento al Bosco monumentale del Sasseto: Passeggiata nel Bosco di Biancaneve