Il Bosco incantanto
L’elfo Alfin, la fata, la strega e un Re

Il Bosco del Sasseto, definito dal National Geographic “il bosco di Biancaneve”, presenta

Il Bosco incantato!

spettacolo scritto e diretto da Francesco Cerra

Bosco del Sasseto

 – Torre Alfina – Acquapendente –

 

Definito dal National Geographic “il bosco di Biancaneve”e già scenografia di Garrone in Il racconto dei racconti, il suggestivo Bosco del Sasseto di Torre Alfina – Acquapendente (VT), con i suoi imponenti tronchi secolari, torna protagonista di una nuova incursione artistica e teatrale che lo fa animare di elfi, fate, re e streghe.

A partire dalla storia, vera, del Marchese Cahen che volle mantenere l’animo di quest’area verde, unica nel suo genere, non addomesticandola in parco ma mantenendola bosco a tutti gli effetti, il Comune di Acquapendente (VT) propone Il Bosco Incantato: rappresentazione itinerante, divertente e al tempo stesso visionaria, destinata a coinvolgere le famiglie in un gioco artistico sulle orme del’elfo Alfin.

 

Uno spettacolo che si fa esperienza sensoriale attraverso una storia dai risvolti etici e naturalistici, una storia “green” nata per far conoscere ai bambini il patrimonio storico e ambientale della Tuscia e il Bosco del Sasseto, luogo dal fascino unico e antico, una foresta vetusta a pochi chilometri da Roma. Con il suo flauto, l’elfo Alfin – tra sentieri dove convivono il faggio, l’olmo, il leccio e l’albero della manna, insieme ad altre 30 specie di alberi incastonati fra i massi monolitici ricoperti di muschio – guida i piccoli spettatori alla scoperta delle bellezze del bosco e della storia di un misterioso re, innamorato di una fata e vittima dei malefici di una strega. Il racconto prende le mosse dalla storia del Marchese Edoardo Cahen, che acquisì la proprietà di Torre Alfina alla fine dell’800. Scrigno di biodiversità di flora e fauna, il Bosco del Sasseto è un gioiello da preservare e tramandare, posto nel territorio di Acquapendente, nell’Alta Tuscia viterbese, attiguo al borgo di Torre Alfina, la cui storia è un tutt’uno con quella del castello medioevale che domina l’intera vallata. Lo stesso castello, così come il suggestivo Museo del Fiore, sono visitabili tutti i fine settimana.

In una località dove si respira l’aurea magica di natura e storia, patrimonio da valorizzare e far conoscere a tutti, Il Bosco Incantato, scritto e diretto da Francesco Cerra, diventa una visita teatralizzata a tutti gli effetti, un esempio virtuoso di valorizzazione del territorio, in grado di coniugare due anime dell’intrattenimento culturale: quella legata al racconto di un luogo esplorandone gli aspetti storico-culturali e quella dell’arte performativa “incastonata” in scenografie naturali intatte e di rara bellezza. Punto di ritrovo Piazza S. Angelo, Torre Alfina presso la biglietteria Bosco Monumentale del Sasseto.

COSTO PASSEGGIATA:

  • €10 a partecipante adulto, comprensivo di biglietto di ingresso al Bosco del Sasseto per l’evento non sarà applicata la gratuità per i residenti
  • €8 per bambini e ragazzi tra 5-12 anni, comprensivo di biglietto di ingresso al Bosco del Sasseto (€6 dal 2° figlio)
  • gratuito per bambini tra 0-4 anni

I costi sono comprensivi di:

I Musei civici di Acquapendente post Covid-19

La piccola cittadina di Acquapendente vanta due piccoli ma preziosi musei civici: il Museo della Città Civico e Diocesano di Acquapendente e il Museo del fiore di Torre Alfina, immerso nella natura incontaminata della Riserva Naturale Monte Rufeno.

Finalmente dopo più di due mesi di chiusura al pubblico riapriamo le porte per presentarvi le nostre collezioni e reperti che raccontano nel Museo della Città Civico e Diocesano la tradizione delle ceramiche arcaiche di Acquapendente, degli antichi vasai, la storia del Palazzo Vescovile, sede vescovile dal 1649 fino al 1986, la quadreria della Pinacoteca di San Francesco che vanta una tangibile testimonianza del passaggio in queste terre di personaggi famosi quali il Maestro di Marradi e Sano di Pietro le testimonianze dei viandanti lungo la via Francigena, a cui è dedicato un plastico che riproduce il percorso da Canterbury a Roma, e che esaltano al contempo la tradizione storico-artistica, nonché religiosa, dei Pugnaloni di Acquapendente.

La ceramica medievale del Museo della Città Civico e Diocesano

Non da meno il Museo del fiore di Torre Alfina racconta, con le sue collezioni ed i suoi giochi multimediali, il vissuto dei contadini nella aree agricole di quel territorio che oggi è Riserva Naturale Monte Rufeno, ricordando le tradizioni sull’uso delle erbe spontanee in medicina e nell’alimentazione, sull’uso del legname e del rapporto dell’uomo con la natura ed in particolare con il fiore, esaltando la tradizione dei Pugnaloni sotto aspetti più prettamente naturalistici, vantando altresì una ricca collezione di insetti impollinatori e non, tra cui le api, tanto che lungo il sentiero natura del fiore è possibile ammirare questi affascinanti insetti impollinatori al lavoro in due arnie didattiche.

L’erbario del Museo del fiore
viagra effet secondaire, viagra ou cialis, acheter viagra pharmacie generique viagra

INFORMAZIONI UTILI PER LA VISITA NEI MUSEI CIVICI DI ACQUAPENDENTE

  • INDIRIZZO MUSEO DEL FIORE: Località Giardino a Torre Alfina, immerso nella Riserva Naturale Monte Rufeno, ingresso n. 4
  • INDIRIZZO MUSEO DELLA CITTÀ CIVICO E DIOCESANO: via Roma n. 85 ad Acquapendente
  • ORARIO DI APERTURA MUSEO DEL FIORE di TORRE ALFINA: a GIUGNO ogni sabato e domenica e festivi dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle 15.00 alle ore 19.00. A LUGLIO dal venerdì alla domenica in orario continuato 11.00 – 19.00 e ad AGOSTO dal  mercoledì alla domenica in orario continuato 11.00 – 19.00. NECESSARIA PRENOTAZIONE entro il giorno precedente per facilitare i servizi di visita!!! Si garantisce durante la settimana la possibilità di prenotare una visita alla struttura ai contatti di seguito riportati.
  • ORARIO DI APERTURA MUSEO DELLA CITTÀ CIVICO E DIOCESANO DI ACQUAPENDENTE: il Palazzo Vescovile da sabato 23 maggio sarà aperto dal mercoledì alla domenica, e festivi, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle 15.00 alle ore 18.00. La Pinacoteca di San Francesco e la Torre Julia de Jacopo sono disponili all’apertura su richiesta. NECESSARIA PRENOTAZIONE entro il giorno precedente per facilitare i servizi di visita!!!
  • COSTO BIGLIETTO: 

Biglietto ordinario €3/persona
Biglietto ridotto €2/persona per adulti oltre i 65 anni, bambini tra 7-14 anni compresi, gruppi minimo di 20 persone, gruppi convenzionati, gruppi scolastici ed universitari dietro presentazione di richiesta.
Biglietto gratuito per residenti nel Comune di Acquapendente, bambini fino a 6 anni compresi, un accompagnatore ogni 20 paganti, per chi presenta il biglietto del Bosco del Sasseto

  • DURATA: 1 ora circa di visita per ciascuna struttura
  • MODALITÀ DI VISITA: solo visita libera in ciascuna struttura; non disponibile audioguida
  • LIMITAZIONI: ingresso obbligatorio con MASCHERINA, all’ingresso i visitatori dovranno sanificare le mani con l’apposito gel disinfettante, messo a disposizione dalla struttura o meglio se avranno guanti monouso
  • INGRESSI CONTINGENTATI: l’accesso ai Musei civici e alla biglietteria sarà contingentato e regolato dall’operatore, in maniera da consentire il rispetto delle distanze di sicurezza
  • PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro il giorno precedente

L’Ape Regina: 0763-730246 oppure 0763-730065 – mobile: 388.8568841 – aggiungici anche su Whatsapp – mail: eventi@laperegina.it oppure coop.laperegina@gmail.com

NORME DI SICUREZZA NEL RISPETTO DELLE MISURE SANITARIE PER COVID-19

  • Rispettare tutte le misure di prevenzione da adottare per l’emergenza Covid-19 secondo la cartellonistica esposta
  • La GUIDA MUSEALE deve indossare la mascherina a protezione delle vie aeree sempre quando in presenza di visitatori e comunque quando non è possibile garantire un distanziamento interpersonale di almeno 1 metro, oltre che i guanti
  • I VISITATORI alla biglietteria e all’interno delle sale devono sempre indossare la mascherina e i guanti monouso o provvedere alla sanificazione delle mani, soprattutto in caso di uso delle dotazioni multimediali messe a disposizione dei visitatori nel Museo
  • Le visite all’interno delle strutture museali saranno contingentate a discrezione dell’operatore in biglietteria, ma si richiede ai visitatori di mantenere le distanze di sicurezza di almeno un metro ed evitare assembramenti nelle sale museali
  • L’utilizzo di ascensori, dove possibile, va limitato e riservato a persone con disabilità motoria
  • Compilazione di un modulo di autodichiarazione da scaricare QUI o che verrà inviato via mail al momento della prenotazione e da consegnare presso la biglietteria compilato e firmato che attesti le condizioni di buona salute del visitatore. Nel modulo andranno indicati i dati di tutti i prenotati e in caso dei minori si richiede la firma di un adulto responsabile accompagnatore.
  • Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C
  • In tutti i locali sono a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani.

Salva

Salva

Il Bosco del Sasseto post Covid-19

Il Bosco del Sasseto ai piedi del Castello di Torre Alfina offre ai suoi visitatori un’atmosfera unica e quasi incantata, con i suoi sentieri estesi tra massi e rocce di tutte le dimensioni ed i suoi maestosi alberi secolari.

… poco al di sotto del Castello di Torre Alfina, un anonimo viottolo nascosto conduce nel Monumentale Bosco del Sasseto, un gioiello di biodiversità forestale unico in tutta la regione Lazio. Grandi tronchi a volte cavi, rami contorti, massi coperti di muschi e felci, i canti degli uccelli e i timidi fiori nel sottobosco rendono l’atmosfera di questo luogo un mondo incantato e meraviglioso …

viagra effet secondaire, viagra ou cialis, acheter viagra pharmacie generique viagra

Passeggiando tra i suoi alberi centenari e le sue pietre bianche, ci si imbatte in opere come ghiacciaie per la conservazione dei cibi e addirittura un Mausoleo, dalle forme gotiche, che custodisce le spoglie di uno degli storici proprietari del Castello, il Marchese Edoardo Cahen. E infine l’esprit du lieu del Bosco del Sasseto… un’antica foresta con un carisma emozionale che si diverte a superare le aspettative dei suoi visitatori…

INFORMAZIONI UTILI PER LA VISITA AL BOSCO MONUMENTALE DEL SASSETO

        • DURATA: 1.5 – 2 ore
        • DIFFICOLTÀ: medio facile
        • MODALITÀ DI VISITA: solo con accompagnatore, mai visita libera
        • LIMITAZIONI: no passeggini – no difficoltà motorie
        • LUNGHEZZA: 3 km, percorso ad anello
        • NOTE: percorso accidentato, segnaletica assente
        • ORARIO DI VISITA E BIGLIETTERIA: GIUGNO: due turni di visita ogni sabato e domenica e festivi alle ore 10.30 oppure alle ore 15.00 – LUGLIO: due turni di visita ogni venerdì, sabato e domenica e festivi alle ore 10.30 oppure alle ore 17.00 – AGOSTO: due turni di visita ogni venerdì, sabato e domenica e festivi alle ore 10.30 oppure alle ore 17.00. Il servizio di biglietteria è attivo da mezz’ora prima della partenza, ore 10.00 oppure ore 14.30 o 16.30.
        • OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE entro il giorno precedente!!! Durante la settimana è garantito un accompagnamento esclusivo di visita su prenotazione per gruppi di minimo di 10 partecipanti
        • APPUNTAMENTO: ore 10.00 o 14.30 al Piazzale Sant’Angelo, 19, di Torre Alfina (fraz. di Acquapendente –Viterbo – Lazio) per registrazione e pagamento presso la BIGLIETTERIA (finestra esterna che dà sul piazzale Sant’Angelo, 19)
        • COSTO BIGLIETTO:

Biglietto ordinario €6/persona, incluso ingresso al Museo del fiore.
Biglietto ridotto €4/persona, incluso ingresso al Museo del fiore, per adulti oltre i 65 anni, bambini tra 7-14 anni compresi, gruppi minimo di 20 persone, gruppi convenzionati, gruppi scolastici ed universitari dietro presentazione di richiesta.
Biglietto gratuito, incluso ingresso al Museo del fiore, per residenti nel Comune di Acquapendente, bambini fino a 6 anni compresi, un accompagnatore ogni 20 paganti

      • INGRESSI CONTINGENTATI: il servizio di accompagnamento si attiva per un numero minimo di 10 ed un massimo di 30 partecipanti. Ad ogni turno di visita, al raggiungimento di un numero superiore a 20 partecipanti verrà predisposto l’utilizzo gratuito di radioguide per l’ascolto della spiegazione curata dall’accompagnatore, garantendo il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno 1 metro. A tutti i visitatori viene richiesto di venire dotati di cuffie auricolari personali o si offre la possibilità di acquistarle presso la biglietteria del Bosco del Sasseto al costo di €1.50. Le radioguide sono messe a disposizione a tutti i visitatori superiori ai 6 anni di età e saranno opportunamente sanificate ad ogni riconsegna. Al momento del ritiro della radioguida verrà chiesto un documento di riconoscimento.
      • PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro il giorno precedente

L’Ape Regina: 0763-730065 – mobile: 388.8568841 – aggiungici anche su Whatsapp – mail: eventi@laperegina.it
Biglietteria Bosco del Sasseto: 0763 719206 o mail: boscodelsasseto@comuneacquapendente.it

            • ABBIGLIAMENTO NECESSARIO: Per la visita al Bosco del Sasseto è obbligatorio un ABBIGLIAMENTO IDONEO e CALZATURE CHIUSE E ANTISCIVOLO. Gli operatori potranno impedire l’accesso in caso di calzature non idonee
            • CONDIZIONI DI VISITA: in caso di CONDIZIONI METEO AVVERSE, l’accesso al Bosco POTRÀ ESSERE INTERDETTO, per garantire la sicurezza dei visitatori
            • ALTRI SERVIZI INCLUSI: il biglietto di visita al Bosco del Sasseto è comprensivo dell’ingresso gratuito al Museo del fiore,  aperto per ogni sabato e domenica, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15.00 alle 19.00. Un museo naturalistico “giocoso” a misura di grandi e piccini, per conoscere flora e fauna che vivono nel Bosco del Sasseto e nella Riserva Naturale di Monte Rufeno. Con lo stesso biglietto sarà possibile visitare il Museo della città civico e diocesano di Acquapendente con ingresso ridotto, aperto dal mercoledì alla domenica in orario 10.00 – 13.00 e 15.00 – 18.00

NORME DI SICUREZZA NEL RISPETTO DELLE MISURE SANITARIE PER COVID-19

            • Rispettare tutte le misure di prevenzione da adottare per l’emergenza Covid-19 secondo la cartellonistica esposta
            • I visitatori devono sempre indossare la mascherina e i guanti monouso alla biglietteria e la mascherina durante la passeggiata da indossare qualora non sia possibile garantire un distanziamento interpersonale di almeno 1 metro
            • L’accompagnatore deve indossare la mascherina a protezione delle vie aeree sempre quando in presenza di visitatori e comunque quando non è possibile garantire un distanziamento interpersonale di almeno 1 metro, oltre che i guanti
            • La visita all’interno del Bosco del Sasseto sarà garantita nel rispetto delle regole di distanziamento sociale di almeno 1-1.5 m,  favorita dall’utilizzo di supporti informativi forniti dalla Biglietteria, che verranno adeguatamente disinfettati al termine di ogni loro utilizzo
            • Compilazione di un modulo di autodichiarazione da scaricare QUI o che verrà inviato via mail al momento della prenotazione e da consegnare presso la biglietteria compilato e firmato che attesti le condizioni di buona salute del visitatore. Nel modulo andranno indicati i dati di tutti i prenotati e in caso dei minori si richiede la firma di un adulto responsabile accompagnatore.
            • Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C
            • In tutti i locali, in cui è necessario, sono a disposizione soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani

IL BOSCO DEL SASSETO – I MEDIA NAZIONALI – IL CINEMA E TANTO ALTRO

S vuoi scoprire altre informazioni sul Bosco del Sasseto, consulta la pagina:  IL BOSCO MONUMENTALE DEL SASSETO

Salva

Salva

Petali e foglie per colorare

realizzare delle piccole opere d’arte, con la tecnica del mosaico di petali e foglie, che contraddistingue i tradizionali Pugnaloni, ma che può diventare un modo nuovo per realizzare una piccola opera d’arte i cui colori ci vengono offerti dal giardino vicino casa e, utilizzando ciò che possono trovare in natura, dare sfogo alle proprie emozioni e sentimenti.

Passeggiata alla scoperta dei colori del prato e del bosco e realizzazione di un mini-pugnalone con petali e foglie fresche.

laboratori creativi Museo del fiore

Disegnare, ma soprattutto colorare, è senz’altro una tra le attività preferite dai bambini che, fin da piccolissimi, si divertono a lasciare traccia di sé attraverso i loro scarabocchi. Si può disegnare con le matite, fare sgocciolare la tempera su un foglio, usare i timbrini per riprodurre tante figure. Anche gli strumenti da adottare sono molti: pastelli, acquarelli, colori a dita, tempere, rulli, cartoncini colorati. L’unica regola del gioco? Dare ai bambini un’idea, uno stimolo creativo e poi lasciare che siano loro a scoprire la differenza tra una tecnica e l’altra, sperimentando colori e materiali in libertà, per trovare da soli il modo di esprimersi al meglio! * Con noi sperimenterete una nuova tecnica, quella di colorare con petali e foglie.

Non estrarremo il colore dai petali e dalle foglie, ma coloreremo con essi, creando un mosaico, dove petali e foglie saranno essi stessi i colori.

Periodo consigliato: tutto l’anno

COSTO attività:

  • € 5/partecipante  età consigliata: dai 6 anni in su.

In aggiunta è possibile realizzare una visita al Museo del fiore.  Il costo del biglietto, varia in base alla fascia d’età dei visitatori. Consultate QUI’ il tariffario.

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Coop. L’Ape Regina tel: 0763-730065; WhatsApp 388.8568841; email: eventi@laperegina.it

* "Diamo forma al colore" - https://quimamme.corriere.it/

Escursioni con bici elettriche
eBike Acquapendente

Percorsi in eBike

Torre Julia de Jacopo – Acquapendente – Alto Lazio-Umbria-Toscana

Organizziamo escursioni in e-bike adatti a chi vuole passare alcune ore in tranquillità attraversando panorami inaspettati, lontani dal traffico cittadino.

Le e-bike stanno velocemente diventando un nuovo standard nel mondo del cicloturismo e chi le ha provate sa perché!

Le bici elettriche a pedalata assistita infatti aiutano il ciclista senza annullare il piacere di pedalare in quanto il motore elettrico si attiva solo se richiesto e quando si pedala.

Se sei poco allenato con le e-bike potrai raggiungere mete che potevano sembrare impossibili … provare per credere!

Molti cercano le escursioni in e-bike quando sono in vacanza, noi vi suggeriamo alcuni percorsi da fare a pochi chilometri da Roma, in un vastissimo territorio al confine tra Lazio, Umbria e Toscana.

I percorsi che vi suggeriamo, lambiscono le sponde del Lago di Bolsena, si inerpicano nei sentieri della Riserva Naturale Monte Rufeno, si intrufolano tra le viuzze dei piccoli borghi come Torre Alfina, Trevinano e la cittadina di Acquapendente, percorrono strade battute nelle campagne dell’Alto Lazio.

I PERCORSI CON LE BICI ELETTRICHE

Consulta le proposte di escursioni, e contattaci per prenotare la tua gita in eBike.

IL LAGO DI BOLSENA

I SENTIERI DELLA RISERVA

 

L’ANTICO BORGO DI ACQUAPENDENTE

LE CAMPAGNE

 

TREVINANO

ebike

TORRE ALFINA

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Centro Visite del Città di Acquapendente – Coop L’Ape Regina 0763-730065, WhatsApp 388 8568841; eventi@laperegina.it

IL PROGETTO eBike DI ACQUAPENDENTE


… presso la Torre Julia De Jacopo, verrà inaugurato il servizio di noleggio bici elettriche eBike.

L’acquisto delle biciclette è stato possibile grazie al finanziamento Prusst “Patrimonio di san Pietro in Tuscia, ovvero il territorio degli Etruschi”, volto alla riqualificazione urbana e allo sviluppo turistico e sostenibile del territorio.

Il servizio, gestito dal Centro Visite del Comune di Acquapendente presso la Torre Julia De Jacopo, permetterà a cittadini e turisti di visitare il territorio con delle biciclette elettriche a pedalata assistita nel rispetto dell’ambiente e della natura.

Una giornata al Mulino del Subissone

Mulino del Subissone

Una giornata al Mulino del Subissone passeggiando sulla Via Salara

Mulino del Subissone – Sentiero “La Salara” – Cascata del Subissone -Torre Alfina (VT)

Gli amanti della natura e del trekking leggero, potranno partecipare ad una splendida passeggiata in natura visitando luoghi incantevoli come il Mulino del Subissone, l’antica Via Salara, il borgo di Torre Alfina e su richiesta il Museo del fiore.

Un percorso al confine tra Lazio e Umbria in una natura non più incontaminata, ma all’interno di una Riserva Naturale istituita nel 1983, dove la mano dell’uomo si coniuga perfettamente con la natura circostante, e dove quest’ultima è stata fondamentale per la vita del Borgo di Torre Alfina.

Grazie proprio alla forza dell’acqua e a particolari accorgimenti, il mugnaio riusciva a macinare il grano tutto l’anno, anche d’estate quando l’acqua del Torrente era assai scarsa. La ristrutturazione di questo casale in pietra, è stata  un’occasione per recuperare la memoria storica e il senso di appartenenza ad una civiltà oggi scomparsa, ma ancora ben radicata nei ricordi di chi l’ha vissuta e nel paesaggio della Riserva Naturale Monte Rufeno.

La passeggiata partirà dal parcheggio del Museo del fiore, e proseguirà lungo l’antica Via Salara, il tratturo che collegava l’abitato di Acquapendente a quello di Torre Alfina. Potremo vedere tutto il tragitto che l’acqua percorre, dalla cascata in mezzo al bosco,  arrivando poi al Mulino del Subissone. Lungo il sentiero avremo modo di osservare un vecchio fontanile, utilizzato anticamente per abbeverare gli animali, che adesso ospita libellule, rane, tritoni e la biscia dal collare. Querce, carpini, macchie di pineta, orchidee e moltissime varietà di piccoli fiori di campo, ci accompagneranno nella passeggiata.

Arrivati all’antico Mulino ad acqua, avremo modo di rilassarci e mangiare un pranzo al cestino (a carico dei partecipanti).

L’escursione continua lungo l’ultima parte del sentiero “Natura del fiore” che ci porterà nuovamente al Museo del fiore. A questo punto potrete  proseguire per il borgo di Torre Alfina.

Il percorso ha una lunghezza di circa 3 Km su strada sterrata e sentieri nei boschi laziali. Possono partecipare sia i camminatori esperti, che le famiglie con bambini, senza però poter utilizzare i passeggini o carrozzine.

IL SENTIERO

2 ore facile NO passeggini NO difficoltà motorie 3km

PROGRAMMA

 

COSTO attività:

  • € 7/partecipante

In aggiunta è possibile realizzare una visita al Museo del fiore. Il costo del biglietto, varia in base al tariffario che può essere consultato QUI’.

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Coop. L’Ape Regina tel: 0763-730065; WhatsApp 388.8568841; email: eventi@laperegina.it.

COME ARRIVARE A TORRE ALFINA:

Si può raggiungere anche tramite l’A1, uscita Orvieto, seguire le indicazioni per Castel Giorgio – Torre Alfina. Arrivati al Borgo di Torre Alfina seguire le indicazioni per Museo del fiore che si trova a soli 2 Km di strada dal borgo.

LA CASCATA DEL SUBISSONE

Foto: Pier Luigi PacettiIl torrente Subissone è il più famoso dei torrenti che scorrono all’interno della Riserva di Monte Rufeno ed è tutelato e valorizzato per la sua estrema naturalità. È anche un importante sito riproduttivo per due pesci di interesse comunitario; il vairone ed il ghiozzo di ruscello, che qui trovano il loro habitat naturale, risalgono il corso del torrente per la deposizione delle uova. Lungo il suo corso ci sono innumerevoli e cascatelle che creano degli scorci meravigliosi. La più grande, con un salto di circa 20 metri, è visibile dal sentiero.

 

LA STORIA DEL MULINO DEL SUBISSONE

Il Mulino del Subissone è un antico mulino ad acqua per la macinazione dei cereali che si trova lungo uno dei più bei sentieri della Riserva Naturale Monte Rufeno. La ristrutturazione, completata nell’estate del 2006, ha consentito non solo di recuperare l’antico podere in pietra, ma anche di restaurare e rendere perfettamente funzionante il sistema di macinazione, costituito dalla vasca di accumulo, dalla turbina e dal sistema di macine di granito. Adiacente al mulino è presente anche un laboratorio didattico all’aria aperta e un forno a legna per la cottura del pane.

Le erbe nel piatto

erbe nel piatto

Le Erbe nel piatto per riscoprire il valore dei saperi tradizionali attraverso la conoscenza dei principi officinali di alcune piante locali, degli usi culinari e curativi ed di alcune curiosità note per l’alimentazione nella tradizione orale locale.

Breve passeggiata lungo il Sentiero Natura del fiore per il riconoscimento e la raccolta di alcune piante officinali ed alimentari; realizzazione di tisane e altri preparati con un ricettario legato all’alimentazione tradizionale locale e alcuni consigli per sperimentare a casa l’uso delle erbe nel piatto.

alimentazione - erbe nel piatto
Il riconoscimento delle erbe

Piccoli chef naturali

Potremmo trasformarci in piccoli chef che gustano erbe nel piatto!!!  Oltre a sperimentare un’attività nuova, impareremo a conoscere le erbe (le maledette verdure) e ad averne meno timore.

Possiamo imparare con curiosità a mangiare cibi salutari, erbe spontanee e frutti del sottobosco. Quando avremo imparato a riconoscere le erbe spontanee mangerecce, sarà più divertente anche fare la spesa con mamma e papà: al mercato, dall’ortolano o perché no, nel vostro giardino, potrete trovare alcune di quelle erbe nel piatto che avete visto e gustato con noi. Sarete proprio voi bambini a guidare i vostri genitori nella scelta delle migliori erbe per preparare gustosi piatti.

Stuzzicate i 5 sensi

Molte di quelle che saranno le vostre erbe nel piatto, possono conferire profumi e sapori molto gradevoli e a volte inaspettati . Una volta imparate a riconoscere le erbe aromatiche, potrete creare un giardino delle erbe e divertirvi ad annusare e riconoscere le piante aromatiche, che poi userete per cucinare insieme.

COSTO attività:

  • € 5/partecipante  età consigliata: dai 10 anni.

In aggiunta è possibile realizzare una visita al Museo del fiore.  Il costo del biglietto, varia in base alla fascia d’età dei visitatori. Consultate QUI’ il tariffario.

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Coop. L’Ape Regina tel: 0763-730065; WhatsApp 388.8568841; email: eventi@laperegina.it.

Fantastiche avventure
letture animate lungo il “Sentiero Natura del fiore”


LETTURE ANIMATE AL PARCO

sottotitolo

Riserva Naturale Monte Rufeno – Sentiero Natura del fiore

 

Letture ad alta voce per bambini, immersi nel verde della Riserva Naturale Monte Rufeno, passeggiando nel “Sentiero Natura del fiore”.

Leggere ad alta voce ai bambini all’aperto, in qualsiasi momento della giornata, per avvicinarli fin dai primi anni al magico mondo della lettura.

Proponiamo una vasta gamma di letture, dai classici alle letture per l’infanzia. L’obiettivo? Trasmettere la passione e l’interesse della lettura ai più piccoli e non solo, anche ai genitori, nella speranza che, una volta tornati a casa, continuino questa bella pratica.

A fine lettura, si chiede di scattare una foto a tutti i piccoli lettori che si coprono il viso con i libri letti in giornata, così da poter condividere e rendere virali tutte le realtà che vi hanno aderito.

Proponiamo quattro letture animate dedicate ai più piccoli (6-10 anni) con tema la natura ed i suoi ambienti, seguite da originali laboratori manuali e… una gustosa merenda!

 

GLI APPUNTAMENTI:

DATA  E ORA

TITOLO LIBRO

PREFAZIONE LIBRO

LABORATORIO CORRELATO

 

COME AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

I posti sono limitati, è necessaria la prenotazione.

Come aderire: è richiesta l’iscrizione, che può essere effettuata sino alle ore 12 del venerdì precedente ciascuna iniziativa, tramite:

Coop. L’Ape Regina al numero: 0763-730065 oppure WhatsApp 388.8568841, email: eventi@laperegina.it

Note:

  • nella mail di richiesta specificare: cognome e nome dell’adulto accompagnatore, il numero di persone (bambini /adulti accompagnatori), l’età dei bambini, il Comune di provenienza, un recapito telefonico ed un indirizzo e-mail a cui confermare l’iscrizione e inviare tutti i dettagli organizzativi.
  • Le letture si svolgono all’aperto: consigliamo un abbigliamento idoneo, anche per sedersi in mezzo al bosco o sul prato.
  • In caso di maltempo, se possibile, la manifestazione si terrà in luogo al coperto.
  • I bambini devono essere accompagnati da un adulto per tutta la durata dell’evento.

La Scialimata
terre in movimento

La Scialimata: terre in movimento

Torre Alfina – Acquapendente – VT – Lazio

.

Prende il nome da un esteso fenomeno franoso che in dialetto è detto “scialimata“, il sentiero che percorreremo insieme per scoprire tutti i segreti della formazione di questo angolo di terra in lento ma continuo movimento!!!

PROGRAMMA DELLA GIORNATA:

Foto Simone Grillo

Ore 10.00: appuntamento al Piazzale Sant’Angelo di Torre Alfina con la guida per registrazione e pagamento della quota

Ore 10.15: spostamento a piedi e partenza per la visita l’imbocco del sentiero “La Scialimata” (9 km, escursione medio-difficile). Passeggiata per osservare la composizione dell’area di frana che caratterizza parte del sentiero, proseguendo in boschi di querce e tra antichi poderi e casali nella Riserva Naturale Monte Rufeno. Arrivo al Museo del fiore passando per il Mulino sul torrente Subissone

Ore 13.00: arrivo e sosta al Museo del fiore per la pausa pranzo al cestino nel giardino

Ore 14.00: visita alle sale del Museo

Ore 15.00: escursione di rientro verso Torre Alfina proseguendo lungo “La Scialimata” e concludendo l’anello . Rientro a Torre Alfina e conclusione prevista per le ore 16.30. In caso di maltempo l’evento viene annullato.

COSTO PASSEGGIATA:

  • €12 a partecipante adulto, comprensivo di biglietto di ingresso al Museo del fiore
  • €10 per ragazzi tra 7-14 anni e adulti >65 anni, comprensivo di biglietto di ingresso al Museo del fiore

I costi sono comprensivi di:

  • Escursioni guidate come da programma
  • Biglietti di ingresso al Museo del fiore
  • Assicurazione per le attività previste

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Prenotazione entro e non oltre il giorno prima dell’evento a: Coop. L’Ape Regina al numero 0763 730065, oppure 388 8568841 (anche whatsapp), oppure scrivere una mail ad eventi@laperegina.it.

NOTE

  • Per la visita in questo ambiente naturale è obbligatorio un ABBIGLIAMENTO IDONEO e CALZATURE CHIUSE E ANTISCIVOLO. Gli operatori potranno impedire l’accesso in caso di calzature non idonee.
  • Accesso non adatto a passeggini e difficoltà motorie
  • L’evento si attiverà per un minimo di 10 e un massimo di 30 iscritti.
  • Le attività prevedono una preparazione escursionistica medio-bassa, sono adatte a bambini di almeno 6 anni, non a passeggini.

COME ARRIVARE A TORRE ALFINA

Si può raggiungere anche tramite l’A1, uscita Orvieto, seguire le indicazioni per Castel Giorgio – Torre Alfina. Arrivati al Borgo di Torre Alfina seguire le indicazioni per Museo del fiore che si trova a soli 2 Km di strada dal borgo.

Sulla scia dell’acqua
dal torrente Subissone al fosso del Riso

Sulla scia dell’acqua …

sentiero Natura del fiore dal torrente Subissone al fosso del Riso

Torre Alfina – Acquapendente – VT – Lazio

.

#natura #cascate #passeggiate #acqua #sentieritrekking #camminareneiboschi #lazio #Acquapendente #torrenteSubissone

Per una giornata con il sole, torna “Sulla scia dell’acqua”!!!

Ti proponiamo una passeggiata tra la Riserva di Monte Rufeno e il territorio del comune di Acquapendente!! Un percorso tra corsi d’acqua, torrentelli e cascatelle, che ripercorre un tratto dell’antica via Salara, che collegava Acquapendente a Torre Alfina: dal Casale Giardino si parte alla volta del fontanile lungo il sentiero Natura del fiore, un tempo abbeveratoio per gli animali, per arrivare giù giù giù fino al Mulino sul torrente Subissone, attraversare il torrente e risalire per riscoprire le meraviglie di un percorso vissuto e frequentato dall’uomo almeno fino agli anni ’60, dove oggi la natura, quasi incontaminata crea un angolo speciale e suggestivo!

Allora, zaino in spalla e passeggiamo tra pietre e rocce coperte di muschio e felci, alberi maestosi e tronchi contorti, che rendono il passaggio avventuroso, mentre qualche timido fiorellino cattura lo sguardo:

passeggiata al torrente

un percorso immerso in un bosco ceduo che racconta la storia affascinate dei suoi abitanti fino a non troppo tempo fa, alberi caduti a terra che aspettano di poter arricchire l’intero bosco; cascatelle create da piccoli fossetti che in questa stagione ancora conservano acqua, fino a scoprire le rare meraviglie della fauna acquatica che li popola ancora.

Tutto questo percorso per arrivare a scoprire una piccola cascata, di pochissimi metri, che nasce dal fosso del Bagnolo e si getta nel torrente Subissone che, grazie alla conformazione geologia di questo territorio, esprime ed esalta fenomeni magici ed incantati, quasi mai visti!passeggiata al torrente

Per tutte le famiglie che desiderano partecipare alla passeggiata, sconsigliamo la partecipazione di bambini inferiori ai 10 anni.

DETTAGLI PER LA PASSEGGIATA

3 ore escursionistico E No bambini NO passeggini NO difficoltà motorie 5 km costo € 8

L’appuntamento è alle ore 9.30 al cancello del Museo del fiore di Torre Alfina (fraz. di Acquapendente –Viterbo – Lazio). L’evento si attiverà per un minimo di 10 e un massimo di 30 iscritti. Conclusione prevista per le ore 13.00.

Si richiedono: scarpe da trekking, protezione per la pioggia e bastoncini da camminata.

Passeggiata guidata lungo un percorso lineare di 5 km (andata e ritorno) immersi in un bosco ceduo, con possibilità di guadi. Dislivello in salita: 140 m.Percorso non adatto a bambini. Durata passeggiata 2 ore. Difficoltà: E.

Costo passeggiata € 8/partecipante.

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Per la passeggiata è necessario prenotarsi entro le ore 13.00 del giorno prima dell’evento telefonando alla Coop. L’Ape Regina al numero 0763 730065, oppure whatsapp 388 8568841, oppure al numero verde gratuito del Centro Visite del Comune di Acquapendente 800-411.834 (interno zero), eventi@laperegina.it.

COME ARRIVARE A TORRE ALFINA: Si può raggiungere tramite l’A1, uscita Orvieto, seguendo le indicazioni per Castel Giorgio – Torre Alfina. Arrivati al Borgo di Torre Alfina seguire le indicazioni per Museo del fiore che si trova a soli 2 Km di strada dal borgo, immerso nella Riserva Naturale Monte Rufeno.

Per realizzare altre passeggiate ed escursioni nel territorio dell’alto Lazio, potete visitare la pagina dedicata.