Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche


Come gli animali si preparano al “freddo” e come cambia il paesaggio


L’inverno è la stagione dell’anno più ricca di fascino proprio per il suo potere di trasmettere inquietudine e imporre il silenzio, come se volesse suggerire di ammirare il lato oscuro delle cose e, allo stesso tempo, ci spingesse a contemplarne la bellezza decadente. Gli animali, come noi si sono preparati durante l’autunno ad affrontare l’aspetto più inquietante di questa stagione, la breve durata delle ore di luce, il freddo, la neve e la scarsità di cibo con varie strategie, dal letargo alla dormienza all’adattamento in attività.  Inoltre, come ogni stagione dà origine a mutamenti meravigliosi, anche l’inverno ha il potere di trasformare il paesaggio in qualcosa di surreale e misterioso.
Cambiando “punto di vista” proviamo poi a vedere le cose attraverso gli occhi di un’ape col programma “visione ape-uomo”. Col Gioco del Pronubo, possiamo invece immedesimarci di volta in volta in un impollinatore (ape, farfalla, pipistrello, ecc.) che si trova ad affrontare grandi e piccoli problemi quotidiani.

DURATA: 1 ora
COSTI: €2 in apertura ordinaria, su prenotazione con richiesta di preventivo.
CONTATTI: Coop. L’Ape Regina: 0763-730065 oppure centro visite comune Acquapendente: numero verde gratuito 800-411.834 (interno zero); email: info@museodelfiore.it

MUSEO DEL FIORE

 

Il Museo del fiore è un museo naturalistico immerso nei boschi della Riserva Naturale Monte Rufeno e pensato per offrire degli spunti per conoscere il mondo del fiore, scoprire le mille relazioni che le piante, e i fiori, intrecciano con il resto del mondo vivente, approfondire le tradizioni del territorio, che si sintetizzano nella festa dei Pugnaloni.
La struttura museale è stata concepita come un racconto che offre la possibilità di imparare giocando, di divertirsi e di passare una piacevole giornata completamente immersi nella natura.
È disponibile un’ampia gamma di mezzi di comunicazione: strumenti interattivi, multimediali e giochi, oltre ai laboratori didattici ed alla ludoteca.
Il Museo propone anche dei percorsi esterni: il Sentiero Natura del Fiore e il giardino botanico, che permettono di avere un contatto diretto con l’ambiente del bosco ed i suoi segreti.

COME ARRIVARE A TORRE ALFINA:

Si può raggiungere tramite l’A1, uscita Orvieto, seguire le indicazioni per Castel Giorgio – Torre Alfina. Arrivati al Borgo di Torre Alfina seguire le indicazioni per Museo del fiore che si trova a soli 2 Km di strada dal borgo.

Oppure dalla Cassia (sia direzione Siena che Roma) arrivati ad Acquapendente, seguire le indicazioni per Torre Alfina.