Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche

Un lupo per amico a Monte Rufeno …
con gli altri mammiferi!

Starts: November 23 @ 14:00

Ends: November 23 @ 17:30

Address: Museo del fiore - Loc. Giardino - Torre Alfina (fraz. Acquapendente - Vt)

Un lupo per amico a Monte Rufeno!

Appuntamento speciale con il lupo e gli altri mammiferi

sabato 23 novembre 2019

ore 14.00 – 17.30

Museo del fiore – Torre Alfina (VT)

[scarica la locandina dell'evento] [scarica la locandina di M'ammalia]

Tutto pronto al Museo del fiore per accompagnarvi nell’affascinante mondo dei mammiferi della Riserva Naturale Monte Rufeno!!

Continua l’esposizione “COLLEZIONI A VISTA” … un ciclo di mostre dedicate alle varie collezioni del Museo del fiore e in particolare ancora in esposizione, fino alla fine dell’anno, “Vertebrati a 4 zampe”, realizzata in collaborazione con le naturaliste della Riserva Naturale Monte Rufeno, dott.sse Antonella Palombi e Moica Piazzai, in occasione di M’ammalia … la settimana dei mammiferi!

Sabato 23 novembre vi attende un appuntamento speciale per conoscere l’affascinante mondo dei mammiferi … vertebrati a 4 zampe che popolano, da anni o che sono tornati di recente, i boschi e le radure della Riserva Monte Rufeno. Guida speciale all’evento … un lupo per amico che dopo anni di latitanza è finalmente tornato a prendersi il suo posto nella catena alimentare.

Incontro ed escursione al tramonto per la presentazione degli studi condotti negli ultimi anni nella Riserva su questi “misteriosi” amici, gioco a tappe guidato dalle guide dell’Ape Regina, visita guidata tematica alle sale del Museo e una “merenda da lupi!” … questo e tanto altro vi aspetta al Museo del fiore sabato 23 novembre, non mancate!!!

PROGRAMMA DELL’EVENTO:

  • ore 14.00 – 15.30Un lupo per amico è tornato: Conosciamo il lupo di Monte Rufeno e gli altri mammiferi: chiacchierata con le naturaliste della Riserva sul lupo Achille e il branco che domina Monte Rufeno con collegamenti ad altri mammiferi, la cui vita si interseca alla presenza del lupo sul territorio
  • ore 15.30 – 17.00 – passeggiata nel bosco con esperienza sensoriale all’ascolto dei suoni della natura accompagnati dalla guida della cooperativa L’Ape Regina e dalle naturaliste per scoprire i misteri e le storie e le tracce di chi anima il Bosco. Durante la passeggiata alcune tappe del gioco “A caccia di tracce” …
  • ore 17.00 – 17.30 – rientro al Museo del fiore, ultime tappe del gioco e per tutti una “merenda da lupi!!!

COSTO attività:

  • € 8/persona, per visita al Museo del fiore, attività e laboratorio con esperti di settore, con “merenda da lupi!”, comprensivo di biglietto d’ingresso al Museo del fiore. Età consigliata: 7-12 anni.
  • Per i bambini sotto i 6 anni il costo dell’evento è di €6, comprensivo di biglietto d’ingresso al Museo del fiore
  • L’iniziativa sarà condotta in collaborazione con esperti della Riserva Monte Rufeno a titolo gratuito.

 

COME AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI E PRENOTARE

Contattare entro il giorno precedente: Coop. L’Ape Regina al numero 0763 730065, oppure 388 8568841 (anche whatsapp)

Per mail: info@museodelfiore.it, eventi@laperegina.it

Pagine social: facebook.com/laperegina.cooperativa; @CoopApeRegina.

 

COME ARRIVARE A TORRE ALFINA

Si può raggiungere anche tramite l’A1, uscita Orvieto, seguire le indicazioni per Castel Giorgio – Torre Alfina. Arrivati al Borgo di Torre Alfina seguire le indicazioni per Museo del fiore che si trova a soli 2 Km di strada dal borgo.

M’ammalia” è un insieme di eventi coordinati dall’Associazione Teriologica Italiana e organizzati da istituzioni scientifiche e culturali (musei naturalistici, orti botanici, biblioteche), aree naturali protette e associazioni, con il fine di far conoscere i mammiferi, le loro problematiche e gli ecosistemi di cui fanno parte. Il tema di quest’anno vuole far riflettere sulla percezione che le persone hanno della fauna e dell’ambiente. Il progressivo spopolamento delle campagne e dei borghi montani iniziato nel dopoguerra ha fatto sì che per molti italiani il rapporto con la fauna si riducesse alla visione di documentari o fotografie o ad un’esperienza particolare da sperimentare nelle visite in aree protette o altri luoghi naturali. Il rapporto diretto con i mammiferi selvatici era perciò limitato soprattutto alle categorie di cittadini direttamente coinvolte o interessate: agricoltori, allevatori, ma anche ricercatori, tecnici faunistici e appassionati.