Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche

L’orto sinergico e le rose antiche: frutti e colori per il nostro giardino

Starts: April 12 @ 10:00

Ends: April 12 @ 17:30

Address: Acquapendente

orto sinergico

L’Orto sinergico della R.N. Monte Rufeno

L’orto sinergico: cura e potatura degli alberi da frutto

Orto dei frati di San Francesco (Acquapendente)

e

orto sinergico

Le rose antiche della R.N. Monte Rufeno

Le rose: varietà e colori per il nostro giardino

II edizione – II appuntamento

 Museo del fiore – Giardino Botanico (Torre Alfina)

Riserva Naturale Monte Rufeno

domenica 12 aprile 2015

ore 10:00 – 13:00 / 15:30 – 18:30

Acquapendente – Viterbo

#giardinaggio #rose #museo #passeggiata #otosinergico #alberi #frutti #giardinobotanico #riservanaturale #passeggiata

[scarica la locandina .jpg] [scarica il comunicato stampa .doc]

A grande richiesta torna la giornata nella sezione delle rose antiche del “Giardino Botanico” della Riserva Naturale Monte Rufeno, con un programma giornaliero ancora più ricco.

Un’intera giornata a contatto con la natura e il giardinaggio. Si parte la mattina con un approfondimento sulla cura degli alberi da frutto presso l’orto sinergio della R.N. Monte Rufeno (ex Chiostro San Francesco – Acquapendente), e prosegue il pomeriggio con la cura delle rose antiche presso il Museo del fiore (Casale Giardino – Torre Alfina) il tutto finalizzato alla conoscenza delle curiosità e degli aspetti biologici di alberi, arbusti e roseti, accompagnati da esperti botanici.

Il Museo del fiore, l’assesorato all’ambiente del comune di Acquapendente e la Riserva Naturale Monte Rufeno invitano per domenica 12 aprile cultori, appassionati e semplici curiosi a questa giornata immersi nella natura dedicata al giardinaggio e orticultura. Questo incontro è il secondo si tre appuntamenti annuali sul giardinaggio. Prossimo appuntamento a LUGLIO (data da definire in base alla stagione climatica).

PROGRAMMA – EVENTI NEL LAZIO – CORSO DI GIARDINAGGIO E ORTICULTURA – NOTE TECNICHE:

Ore 10:00 – 13:00 Appuntamento alla Torre Julia de Jacopo e spostamento a piedi presso L’Orto sinergico – Chiostro di San Francesco (Acquapendente) con cenni sulla potatura alberi da frutto € 4

ore 13:00 – 14:00: pranzo al cestino o in un ristorante di Torre Alfina a prenzo convenzionato di €12 (a carico dei partecipanti).

ore 14:30 trasferimento al Giardino Botanico presso il Museo del fiore (Torre Alfina)

ore 15:30 – 17:30 le rose antiche: cure stagionai, pacciamatura del terreno, realizzazione talee € 4

La giornata sarà di formazione sul campo, animata da esperti botanici della Riserva e dedicata ad offrire ai partecipanti competenze e conoscenze su tutti gli aspetti della cura degli alberi da frutto e delle rose. Durante la visita al Museo del fiore, si potranno approfondire tutti gli aspetti botanici e biologici delle rose antiche.

Costo dell’intera giornata €8/partecipante (escluso il pranzo)

COME PRENOTARE E AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Info e prenotazioni entro  sabato 11 aprile: Coop L’Ape Regina 0763-730065, Centro Visite Comune Acquapendente 800-411-834 interno zero; info@museodelfiore.it. 

 

COME ARRIVARE AD ACQUAPENDENTE / E TORRE ALFINA:

Si può raggiungere anche tramite l’A1, uscita Orvieto, seguire le indicazioni per Acquapendentr. Da Acquapendente procedere in direzione Roma, appena usciti dal paese seguire le indicazioni per Torre Alfina – Museo del fiore. Arrivati al Borgo di Torre Alfina seguire le indicazioni per Museo del fiore che si trova a soli 2 Km di strada dal borgo.

LA ROSA: CARATTERISTICHE GENERALI

Il genere Rosa appartiene alla famiglia delle Rosacae. Ne esistono circa 2000 specie diffuse in tutte le zone temperate dell’emisfero boreale e lungo l’Oceano Pacifico.

La rosa è un arbusto, di solito eretto ma anche con i rami flessibili che ricadono verso terra. Ha foglie composte da 5 fino ad 11 foglioline provviste di margini dentati di colore verde più o meno scuro a volte provvisti di peli a seconda della specie.

I fiori sono solitari e riuniti in infiorescenze. Il numero dei petali nella rosa varia a seconda della specie.

Il frutto della rosa è chiamato cinorrodio ed è formato dall’ingrossamento del ricettacolo ed i semi maturano all’interno. Questo può essere utilizzato per tante gustose ricette … nonchè mangiato da molti animali direttamente dalla pianta.

TECNICA COLTURALE DELLE ROSE: PER UN BEL ROSETO SELVATICO

Le rose sono delle piante abbastanza facili da coltivare.

Le maggiori difficoltà sono dovute al fatto che è una specie particolarmente soggetta ad attacchi dei più svariati parassiti pertanto, contrariamente a quanto avviene con le altre piante dove si interviene alla comparsa dei sintomi, in questo caso è necessario fare delle terapie preventive.

Un altro aspetto impegnativo della coltivazione delle rose è dovuto alla potatura per la formazione dei rosai o per regolare l’entità della fioritura e lo sviluppo della vegetazione. Non si possono fornire delle regole precise su come effettuare la potatura della rosa in quanto varia a seconda della cultivar, dal tipo di portainnesto che è stato utilizzato, dall’epoca di fioritura e dal clima (nelle regioni con clima freddo si ha un riposo vegetativo e si tende a produrre d’estate). La potatura della rosa viene effettuata non solo per eliminare i rami secchi ma anche per ridurre le dimensioni di tutta la pianta.

La messa a dimora viene effettuata quanto le piante di rosa sono a riposo in ottobre o in gennaio/febbraio, nelle zone a clima mite, come l’alto Lazio.

Se le piante di rosa vengono poste in un giardino, è necessario aver preparato il terreno che dovrà ospitarle per tempo: ben vangato e concimato per tempo.

[FONTE: http://www.elicriso.it/it/come_coltivare/rose/rose1/]



ALCUNE FOTO DELL’EVENTO NELLA PRECEDENTE EDIZIONE