Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche

I MAI VISTI
esposizione di opere inedite

Starts: December 08 @ 16:00

Ends: April 16 @ 19:00

Address: Museo della città Via Roma 85 01021 Acquapendente (VT)

I MAI VISTI

INEDITI DAI DEPOSITI DEL MUSEO DELLA CITTÀ DI ACQUAPENDENTE

Palazzo vescovile – Museo della Città –

fino ad aprile 2017

Stiamo rivoluzionando il museo avvalendoci della collaborazione di tanti studiosi che si stanno prodigando per far sì che questa esposizione sia veramente all’altezza.

A cura di Andrea Alessi

Sepolte da secoli di oblio, riemergono con prepotenza venti opere inedite dai depositi del Museo della città di Acquapendente. I Mai visti: dipinti dal ’400 all’800, oggetti liturgici, stemmi monumentali e iscrizioni lapidee in marmo. Un’occasione imperdibile per riscoprire la storia e la tradizione attraverso i suoi capolavori, testimonianza di un passato fulgido e ricco di grandi interpreti, i cui nomi, sfuggiti per troppo tempo al grande pubblico e ignoti alla storiografia, torneranno al rango di protagonisti indiscussi.

[FONTE: http://www.lafune.eu/dipinti-sepolti-da-secoli-di-oblio-tornano-alla-luce-ad-acquapendente/]
Rassegna stampa

Giovedì 8 dicembre alle ore 16.30 verranno aperte le porte del Palazzo Vescovile (Via Roma n° 85) e verrà inaugurata la mostra che rimarrà straordinariamente aperta fino alle ore 23.00.

Il direttore del Museo ha dichiarato che <<nella realizzazione di questa mostra è stato creato un percorso allestitivo emozionale che ben si integra con l’arredo esistente. Il visitatore verrà subito proiettato in un caleidoscopio emozionale tra una moltitudine di opere ignote al pubblico e agli specialisti, precedentemente collocate nei depositi. E’ stato avvincente ripercorrere la storia di Acquapendente attraverso le sue testimonianze più significative, dalla cui ricerca sono emersi molti dati inediti>>.

Il percorso si articola in quattro sale, che sono state completamente rivoluzionate dal nuovo allestimento che ne arricchisce l’arredo dando un rinnovato lustro alle sale del Palazzo Vescovile. Già dall’ingresso il visitatore potrà cominciare a gustarsi i primi reperti in mostra, e continuare poi nel piano nobile dove sono esposte le prime opere pittoriche. Tra queste l’icona della mostra, una splendida Madonna con Bambino dei primi del Settecento, opera definita <<trevisaniana>> dallo storico dell’arte Claudio Strinati consultato per l’occasione.

Prima di entrare nella sala degli stemmi, possiamo ammirare i due ritratti olio su tela raffiguranti papa Clemente XIV (Giovanni Domenico Porta) e il cardinale Filippo Maria Guidi (Cesare Cugini), che ben si integrano nello stile espositivo del Museo, anticipando le opere esposte nella successiva sala.

Questa mostra arricchisce notevolmente la già cospicua pinacoteca del museo della città di altre pregevoli opere tra cui un affresco staccato, di fine XV secolo che raffigura una Madonna in trono con Bambino tra cherubini, che si rifà a un modello scultoreo in stucco assai noto di Andrea Verrocchio, e che entra a pieno titolo tra le opere più interessanti della mostra. Questo prototipo fu trasposto in pittura da Piermatteo d’Amelia nell’esemplare che si trova allo Städelsches Kunstinstitut und Städtische Galerie di Francoforte  e nell’affresco conservato nella chiesa di Sant’Agostino a Narni (controfacciata a sinistra dell’ingresso) raffigurante la Madonna in trono tra i Santi Lucia e Apollonia. Proprio a quest’ultimo modello sembra essersi ispirato l’autore dell’affresco aquesiano, dipinto allo scadere del XV secolo. Si tratta, per Anna Cavallaro <<di un pittore noto di area viterbese, che merita certamente approfondimenti ulteriori>>.

Ogni sala è stata corredata di un pannello didattico sulle singole opere esposte, dove è possibile trovare approfondimenti, ricerche e pareri illustri, e che rende la mostra accessibile ad ogni tipologia di pubblico.

Dopo l’inaugurazione della mostra, dalle ore 20.00, sarà possibile partecipare ad una cena a buffet allestita nella sala mostre del Museo (è gradita la prenotazione). Per l’occasione il Museo resterà aperto fino alle ore 23.00 ad ingresso gratuito. La mostra rimarrà allestita fino ad aprile 2017.

Per informazioni coop. L’Ape Regina 0763-730065 oppure centro visite del Comune di Acquapendente 800-411.834 (interno zero), eventi@laperegina.it. Per partecipare alla cena (costo € 15) è gradita la prenotazione.