Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche

Incontri al Museo della città di Acquapendente

Starts: April 15 @ 17:00

Ends: April 15 @ 18:00

Address: Museo della città - Acquapendente Via Roma 85

Il Centro Diocesano di Documentazione per la storia e la cultura religiosa – Viterbo e il Centro di ricerche per la storia dell’Alto Lazio

Presentano il libro:

Fiorino Tagliaferri:
un grande cuore

di Paola Moschetti

venerdì 15 aprile 2016 ore 17.00 – 19:00

Sala degli Stemmi – Palazzo Vescovile sede del Museo della città di Acquapendente

 

[scarica la locandina .pdf]

Venerdì 15 aprile alle ore 17 presso la Sala degli Stemmi del Museo della città di Acquapendente, verrà presentato il libro “Fiorino Tagliaferri: un grande cuore”, scritto da Suor Paola Moschetti che, laureta in Lettere, vive dal 1966 presso l’Eremo Ianua Coeli di Viterbo dedicandosi alla studio ed alla preghiera.

INTERVERRANNO:
Agostino Moscatelli
M. Cristina Bisti
Sorella Paola Moschetti
Luciano Osbat

Il libro ripercorre a grandi linee la vita e le opere di una figura ecclesiale nata il 7 ottobre 1921 a Borgo San Lorenzo in Provincia di Firenze e deceduta sempre nel capoluogo toscano il 22 Febbraio 2002. Una parte sostanziosa del volume si soffermerà sul lavoro svolto a partire dall’anno 1987 come Vescovo della Diocesi di Viterbo con importantissime digressioni sul compito svolto antecedentemente nella città lombarda di Cremona.
L’iniziativa organizzata dal Centro Diocesano di Documentazione per la Storia e la Cultura Religiosa di Viterbo e dal Centro di ricerche per la storia dell’Alto Lazio vedrà la partecipazione nel ruolo di relatori oltre alla stessa scrittrice Agostino Moscatelli, Maria Cristina Bisti e Luciano Osbat.

Un uomo carismatico, dal carattere forte e deciso, ma soprattutto un cristiano autentico”. Questo il ritratto di mons. Fiorino Tagliaferri, emerso alla presentazione della sua biografia, scritta da suor Paola Moschetti. [continua a leggere].

[FONTE: www.diocesidicremona.it]
COME ARRIVARE AD ACQUAPENDENTE:

Acquapendente si trova all’altezza del km 130 della SS Cassia, tra Viterbo e Siena. Si può raggiungere anche tramite l’A1, uscita Orvieto. Da Viterbo con un autobus della linea COTRAL.

La simbologia della Passione di Cristo nella maiolica del Lazio

Conferenza a cura di Romualdo Luzi, organizzata dall’Archeoclub di Acquapendente

Acquapendente 29 agosto 2015

ore 10:30 – 13:00

Sala Conferenze del Museo della città di Acquapendente

[scarica la locandina .jpg] [scarica il programma .pdf]
 

Presentazione del volume

Materiali archeologici dal complesso di Sant’Agostino ad Acquapendente

sabato 8 agosto 2015

ore 10:30 – 13:00

Sala Conferenze del Museo della città di Acquapendente

[scarica l'invito .jpg] [scarica il programma .pdf]

 

Ciclo di Conferenze sulla Ceramica di Acquapendente

dal XIII al XVIII

Acquapendente 30 maggio 2015

ore 10:00 – 18:00

Sala Conferenze del Museo della città di Acquapendente

[scarica la locandina .jpg] [scarica il programma .pdf]
 

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

  • ore 10:00 Registrazione
  • ore 10:15 Saluti delle autorità

Alberto BAMBINI Sindaco di Acquapendente

Anna BELARDI Assessore alla Cultura Comune Acquapendente

  • ore 10:30 Presentazione della Conferenza

Roberta SCOTTON Presidente Archeoclub di Acquapendente

  •  ore 10:45 Contenuti

Alberto PICCINI (Milano)

La “SUPERBOTTEGA”: Descrizione di uno strumento di analisi critica che ha  rivoluzionato la storia della Maiolica Italiana  del Rinascimento.

  •  ore 11:30

Alberto PICCINI (Milano)

I del CARINA-RUBEIS ad Acquapendente.  Una dinastia, tre generazioni di grandi maiolicari di origine toscana, operanti per circa un secolo (1470/1570) in Acquapendente.

  •  ore 12:00

Fabiano FAGLIARI ZENI BUCHICCHIO (Bolsena)

Presentazione dei documenti d’archivio relativi alla famiglia di maiolicari del CARINA-RUBEIS.

  •  ore 13:30 Pranzo a buffet – cortile esterno della sala conferenze.
  •  ore 15:00 Visita alla collezione ceramiche rinascimentali esposte al Museo della Città.
  •  ore 16:00 Visita alla collezione di ceramiche medievali presso la Torre Julia de Jacopo.