Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche

Acquapendente, “cattiva” gente belle pitture
Antonello Ricci racconta

Starts: August 20 @ 21:00

Ends: August 20 @ 22:00

Address: Acquapendente (VT)

ACQUAPENDENTE, “CATTIVA” GENTE BELLE PITTURE

alla scoperta del “tesoretto” pittorico del museo aquesiano

Museo della città – domenica 20 ore 21.00 – 22.00

ingresso gratuito

[scarica la locandina.jpg]

 Evento coordinato e realizzato da AGER – MUSEO TERRITORIO STORIE: 13 musei del SIMULABO si raccontano. Un progetto a cura di Banda del racconto, secondo episodio al Museo della Città di Acquapendente

PROGRAMMA

Passeggiata/racconto che si snoderà dalla sede centrale del museo della città (Palazzo Vescovile) alla ricca pinacoteca di San Francesco. Antonello Ricci intervisterà il direttore del museo, lo storico dell’arte Andrea Alessi a cospetto delle opere pittoriche di maggior pregio”. Giornata all’interno della manifestazione “Viaggio nella Civiltà Contadina e Artigiana“.

Nel corso dell’evento itinerante, che si snoderà dalla sede centrale del museo (Palazzo Vescovile) alla ricca pinacoteca di San Francesco – Antonello Ricci intervisterà il direttore del museo, lo storico dell’arte Andrea Alessi. Per la regia di Pietro Benedetti intanto, a cospetto delle opere pittoriche di maggior pregio del notevole e cospicuo ‘tesoretto’ pittorico acquesiano, verranno letti brani dei grandi viaggiatori del passato che fecero tappa ad Acquapendente.

Girolamo di Benvenuto

Così il direttore Andrea Alessi a proposito e dell’iniziativa: “Sono molto lieto di questa straordinaria opportunità che viene offerta alla comunità aquesiana. Bello riscoprire un territorio attraverso un punto di vista totalmente nuovo. Finalmente grazie alle tante curiosità, agli aneddoti, verranno raccontate la storia e l’arte in maniera semplice, accattivante e intuitiva. Con questa iniziativa, infatti, colloquiale e dialogica, si porranno finalmente le basi per l’idea che nutro di valorizzazione territoriale di una struttura pubblica, a diretto contatto con il fruitore finale, con l’auspicio che si ponga finalmente l’accento sui grandi interpreti che, transitando per la via Francigena, portarono lustro ad Acquapendente. Da Alessandro Algardi a Girolamo di Benvenuto, senza dimenticare Sano di Pietro, Maestro di Marradi e Rondolino Pesarese.”

SECONDA TAPPA DI “AGER”

Un progetto targato SI.MU.LA.BO. (Sistema museale del lago di Bolsena). Complice-ostetrica la Banda del racconto, i 13 musei del SI.MU.LA.BO. finalmente si raccontano. Per la prima volta i direttori della bella costellazione museale squadernata intorno al più grande lago vulcanico d’Europa si “confidano” pubblicamente: la loro formazione; la loro personale esperienza-idea di museo; i rapporti tra il museo da loro diretto e la comunità locale (ma anche il modo in cui la comunità vede-vive il proprio museo); la certezza condivisa della tensione a una pedagogia civile che scorre, come linfa vitale, a rinvigorire il Sistema stesso; peculiarità e vocazioni specifiche che connettono, con puntuale originalità, il museo da loro diretto alla realtà specifica dell’ager su cui il museo stesso fa perno: intorno ai singoli borghi, il territorio agricolo, boschivo, lacuale, il paesaggio ergologico delle comunità e quello storico-archeologico delle più antiche civiltà. Ma soprattutto infine – quale novello Aladino – ciascun direttore sfregherà, per noi di Banda del racconto, la sua lampada delle storie, rievocando dallo scrigno del suo museo, dalle profondità del tempo e dello spazio, una vicenda inedita e scordata. Da ciascuna storia, una passeggiata/racconto. Dalla raccolta delle passeggiate, infine, un libro (per i tipi di Davide Ghaleb Editore): una guida davvero sui generis, un virtuoso biglietto da visita (nuovo-nuovo di zecca) per il SI.MU.LA.BO. e il suo territorio. Un volume destinato alla curiosità dei turisti ma anche di noi “indigeni” alto laziali.

Ager è un progetto finanziato dalla Regione Lazio con L.R. 23 ottobre 2009, n. 26 – Disciplina delle iniziative regionali di promozione della conoscenza del patrimonio e delle attività culturali del Lazio (e successive modifiche).

Salva

Salva

Salva