Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche


L’arte del non reale
Come e perché veniva usato l’ oro nella pittura Medievale e Rinascimentale

oro nella pittura
  • Ordine d'istruzione:
    • 3^, 4^ e 5^ primaria
    • Secondaria di Primo Grado
    • Superiori
  • Aree tematiche:
    • Arte
  • Luoghi:
    • Museo della Città
  • FINALITÀ

    Analizzare le opere della Pinacoteca, cercando di scoprire i codici propri dell’iconografia sacra e di mettere in risalto le differenti rappresentazioni della figura umana e del paesaggio in età medievale e rinascimentale. Riscoprire la bellezza dell’arte medievale e rinascimentale dove la foglia d’oro si utilizzava con la finalità di rappresentare il non reale, ossia le figure che erano così importanti da essere considerate un simbolo.

    METODO

    Visita guidata alla collezione pittorica del Museo. Laboratorio artistico creativo legato all’antica tecnica pittorica e uso della foglia d’oro. I ragazzi potranno cimentarsi.
    Periodo consigliato: tutto l’anno
    Durata: ore 3

    oro nella pittura

    MUSEO della CITTÀ
    archeologia sperimentale, storia e arte

    Il Museo della città è collocato in tre sedi espositive poste lungo l’asse viario che coincide con l’attraversamento urbano della Via Francigena ad Acquapendente. All’ingresso sud della città vi è la sede della Torre Julia de Jacopo che ospita un’importante raccolta di maiolica arcaica. All’estremo nord dell’abitato si trova la seconda sede distaccata, la Pinacoteca, all’interno dell’ex convento dei frati Minori Conventuali, dove sono esposti i numerosi dipinti facenti parte della quadreria del convento francescano, che vanta opere che spaziano dal XV al XIX secolo. La sede centrale trova spazio presso le ampie sale dell’ex Palazzo Vescovile dove è possibile ammirare le raccolte d’arte sacra diocesana provenienti dalla cattedrale e dalle altre chiese di Acquapendente e numerosi reperti ceramici, dal medioevo ai nostri giorni. La sede centrale ospita una nuova sezione interamente dedicata alla Via Francigena con una specifica attenzione alla storica vocazione della città e del territorio come centro di frontiera culturale.

    Salva