Educazione ambientale, archeologia sperimentale e fattorie didattiche


Il ritratto nella ceramica
La figura umana nell’arte ceramica

Ritratto ceramica mediovale Acquapendente
  • Ordine d'istruzione:
    • 3^, 4^ e 5^ primaria
    • Secondaria di Primo Grado
  • Aree tematiche:
    • Arte
    • Storia, archeologia
  • Luoghi:
    • Museo della Città
  • FINALITÀ

    ripercorrere le fasi di lavorazione e decorazione della ceramica medievale e rinascimentale e analisi delle opere pittoriche, prendendo ad esempio i piatti da pompa e i quadri presenti nel Museo della città.

    METODO

    Gli studenti verranno guidati nella realizzazione di ritratti femminili, sperimentando le tecniche dell’iconografia medievale e rinascimentale, adoperando gli stessi colori della ceramica di riferimento. I ritratti verranno realizzati su terracotta. Visita guidata al Museo della città di Acquapendente sull’evoluzione della rappresentazione umana nei ritratti su ceramica dal Trecento al periodo rinascimentale.
    Periodo consigliato: tutto l’anno
    Durata: ore 4

    MUSEO della CITTÀ di Acquapendente
    archeologia sperimentale, storia e arte

    Il Museo è collocato in tre sedi espositive poste lungo l’asse viario che coincide con l’attraversamento urbano della Via Francigena ad Acquapendente.

    La sede centrale trova spazio presso le ampie sale del Palazzo Vescovile dove è possibile ammirare le raccolte d’arte sacra diocesana provenienti dalla Cattedrale e dalle altre chiese di Acquapendente e numerosi reperti ceramici, dal medioevo ai nostri giorni. La collezione del Museo è stata recentemete arricchita di opere inedite: dipinti dal ’400 all’800, oggetti liturgici, stemmi monumentali e iscrizioni lapidee in marmo che fanno parte di una mostra denominata I MAI VISITI.

    La sede centrale ospita una sezione dedicata alla Via Francigena con una specifica attenzione alla storica vocazione della città e del territorio come centro di frontiera culturale.

    All’ingresso sud della città vi è la sede della Torre Julia de Jacopo che ospita un’importante raccolta di maiolica arcaica. All’estremo nord dell’abitato si trova la seconda sede distaccata, la Pinacoteca, all’interno dell’ex convento dei frati Minori Conventuali, dove sono esposti i numerosi dipinti facenti parte della quadreria del convento francescano, che vanta opere che spaziano dal XV al XIX secolo.